22 maggio 2018

Fette biscottate al farro senza burro


Ogni giornata è una piccola vita
ogni risveglio una piccola nascita
ogni nuova mattina è una piccola giovinezza.
(Arthur Schopenhauer)

Si può pranzare da soli o in compagnia, nella breve pausa pranzo in ufficio o nella tranquillità della propria cucina, la sera poi si cena in famiglia tra una chiacchera e l’altra o davanti alla TV, oppure al ristorante con gli amici … ma la colazione … la colazione non è un pasto … la colazione è un momento, un momento di vita speciale e intimo. Racchiude in sé la poesia di un nuovo giorno che inizia, le mille possibilità che si affacciano al nostro orizzonte e mentre noi siamo ancora in pigiama, struccate e con i capelli arruffati, il fato si è messo in moto e ci aspetta e con lui ci attende al varco la nostra frenetica routine. E allora prima di tuffarci nel mondo regaliamoci una piccola coccola. Mettiamo su una bella tovaglietta, prepariamoci una fumante tazza di thè, oppure di latte e prendiamo burro, marmellata e fette biscottare … un momento di pausa dolce e corroborante prima ancora che tutto inizi, perché tutto poi lo affronteremo meglio! Se poi le fette biscottate saranno homemade, la loro fragranza e il loro sapore vi stupiranno! 



Ingredienti

Per il poolish
70 ml di latte fresco
50 gr di zucchero semolato
50 gr di farina manitoba
2 gr di lievito di birra disidratato

Per l’impasto
150 gr di farina  manitoba
200 gr di farina di farro
125 gr di  yogurt  bianco 
1 uovo bio
2 cucchiai di miele di acacia
2 cucchiaini di estratto di vaniglia 
40 ml di olio evo
3 gr di sale 

Inoltre 
latte per spennellare



Procedimento
Iniziate preparando  il poolish, in una piccola ciotola unite la farina, il lievito e il latte appena tiepido in cui  avrete sciolto lo zucchero, mescolate con una forchetta e poi  coprite  con della pellicola da cucina, lasciate fermentare per circa  un'ora. (dipenderà ovviamente dalla temperatura che avete in casa). Il poolish sarà pronto quando il volume sarà raddoppiato e noterete numerose bollicine sulla superficie. Trascorso questo tempo, in un’altra ciotola mescolate lo yogurt, il miele, l’estratto di vaniglia e l’uovo, quindi andate ad aggiungere questo composto  nella ciotola della planetaria dove avrete già inserito il resto delle farine e il poolish. Accendete la planetaria a velocità 2 con il gancio a foglia, fate prendere corpo all'impasto e poi passate al gancio ad uncino, aumentate la velocità e portate l'impasto ad incordatura. Alla fine unite il sale e per ultimo l'olio, a filo. Continuate ad impastare fino ad ottenere, come sempre per la pasta brioche, un impasto lucido ed elastico. Coprite la ciotola della planetaria con della pellicola e attendete che l'impasto raddoppi il suo volume, tenendolo in un luogo caldo. Ci vorranno un paio di ore circa. Trascorso questo tempo rovesciate l'impasto sulla tavola ed appiattitelo per formare un rettangolo. Portate al centro i due lati lunghi opposti e fate la stessa cosa con i lati corti. Capovolgete l’impasto piegato sul piano di lavoro e copritelo con la pellicola trasparente, lasciatelo riposare così per 15 minuti. Rivestite con carta forno uno stampo da plum cake da 26 x 10, Stendete nuovamente l’impasto e arrotolatelo su se stesso. Adagiatelo nello stampo e ponetelo nuovamente a lievitare in forno spento per un’ora  circa. A questo punto spennellate il vostro pan brioche con del latte ed infornate in modalità statica a 180° per 25 minuti.  (Gli ultimi 5 minuti abbassate la grata del forno di una tacca). Calcolando che i forni non sono tutti uguali vi consiglio di fare la prova stecchino dopo 20 minuti. Il bastoncino di legno deve uscire asciutto. Lasciatelo raffreddare molto bene su una gratella per dolci, poi incartatelo con un  telo di cotone, per almeno 24 ore a temperatura  ambiente con l’accortezza di tenerlo  nel luogo più fresco della casa. Trascorso questo tempo tagliate il vostro pan brioche a fette di circa 1 cm di spessore, disponetele su una leccarda forata o rivestita di carta forno, fatele tostare a 150°  per circa 45 minuti, con l’accortezza di girarle ogni 15 minuti. Devono dorare bene, ma soprattutto, asciugarsi bene. Fatele  raffreddare in forno semiaperto, ed una volta fredde, conservatele nella classica scatola per biscotti. Rimangono perfettamente fragranti una settimana … oltre non so.
Buon appetito!




Buona vita
e alla prossima ricetta!






23 commenti:

  1. Che buone! Adoro le fette biscottate e le tue sono bellissime! Ogni tanto biscotto fette di pane senza glutine ma non è lo stesso. Mangio le tue con gli occhi! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Alzarsi e trovare delle fette biscottate così buone e belle è un vero regalo...una coccola infinita...bravissima, buona settimana!

    RispondiElimina
  3. Ciao Alice, le tue fette biscottate sono perfette, bravissima! Concordo su quanto hai scritto, la colazione è il mio pasto preferito, è quello che ti fa iniziare bene la giornata, mi piace che abbia un ritmo lento anche nei giorni lavorativi e lentissimo nel fine settimana. Baci Cara Alice!!

    RispondiElimina
  4. ....adoro il momento della colazione e debbo dire che non ho mai fatto le fette biscottate, mi hai fatto venir voglia di provarci!
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  5. Quello della colazione è un momento irrinunciabile per me...che deve svolgersi in religioso silenzio perché a connettere nun ja fo' proprio.
    Che belle queste fette biscottate, Alice! Sono perfette!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. ma che meraviglia, devono essere squisite!! :P

    RispondiElimina
  7. Concordo in pieno con la tua idea di colazione. x me è proprio così, rigorosamente in pigiama e nella quiete della mia cucina, magari proprio con un dolcetto homemade! Le tue fette biscottate sono un vero sogno e perfette anche nell'estetica :-)
    Prossimamente pubblicherò anch'io un panbrioche con il miele, direi che siamo in perfetta sintonia anche in questo :-)
    Buon inizio settimana Alice e a presto <3

    RispondiElimina
  8. Squisite e perfette :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. E' proprio vero, la colazione è un momento magico e vuole una coccola particolare con un dolce o una fetta biscottata che profuma di cose buone fatte in casa. Un bacio

    RispondiElimina
  10. Io purtroppo sono manchevole in questo la colazione non la faccio mai ma..talvolta prima di andare in ufficio riesco a mangiare una fetta biscottata con marmellata. Queste al farro mi intrigano molto sono così belle

    RispondiElimina
  11. Sai che la penso assolutamente allo stesso modo per quanto riguarda la colazione, che per me è sacra. Queste fette biscottate al farro sono sicuramente una bella coccola per iniziare la giornata. Ma come fai a far venire delle fettine così belle perfette? io quando le taglio faccio sempre un macello

    RispondiElimina
  12. La colazione è quasi sacra...non si può saltare!!! Bravissima

    RispondiElimina
  13. Colazioni da adulta quasi mai fatte non riesco, solo un caffè e due. Non sono golosa per fortuna e non devo mangiare dolci. Il burro in casa non esiste solo olio evo a crudo. Ad ogni modo buonissimi li mangio da qui. Buona giornata.

    RispondiElimina
  14. E qua siamo in perfetta sintonia; la colazione è sacra, con calma e in solitudine. Mi alzo anche prima per potermela gustare in santa pace, prima di tuffarmi nel caos delle mie giornate. Ottime le tue fette, con il farro le voglio provare, è una farina che mi piace molto. Buona giornata Alice, a presto

    RispondiElimina
  15. le fette biscottate a colazione, da me , non mancano mai e il tuo impasto è talmente speciale che non posso non provarlo . Un abbraccio Alice

    RispondiElimina
  16. Un ottimo suggerimento per farsi a casa delle ottime fette biscottate personalizzate

    RispondiElimina
  17. wow perfette! davvero, la colazione non si può mai saltare!

    RispondiElimina
  18. Scrivi bene : la colazione è un momento di vita e c'è tutta la giornata che deve ancora spiegarsi, avanti. Ed è per questo che l'adoro!
    E con occhi a cuore guardo le tue fette biscottate.

    RispondiElimina
  19. Ci siamo scritte nello stesso momento... un bel segno! :-) Abbiamo parecchio da mangiare e da gustare, spaziando dal salato al dolce, dalla colazione, al pranzo, al tè delle cinque!
    Non ho ancora mai provato a fare in casa le fette biscottate, ma sono nell'elenco da tempo... non smetto però di fare confetture, quindi a quello posso pensarci io! :-)

    RispondiElimina