30 giugno 2015

Treccine mandorle e cioccolato


Abbiamo tutti le nostre macchine del tempo.
 Alcune ci riportano indietro,
 e si chiamano ricordi.
 Alcune ci portano avanti,
 e si chiamano sogni. 



Finalmente con l'ultimo tour di force  di sabato (arrivate a scuola alle 10.00 - colloquio iniziato alle 12.30) e dopo 60 minuti esatti di una brillantissima performance da parte tua, anche l'orale è andato e gli esami sono finiti! E con loro sono andate via tutte le ansie di questi ultimi mesi, tutto lo stress, ma soprattutto si è chiuso un grande capitolo di vita, in me un pochino di malinconia forse c'è, ma veramente pochissima. Perchè in questi quasi 19 anni insieme, se potessi avere veramente una macchina del tempo, non saprei a quale momento tornare perchè con te ogni secondo è stato magnifico ed indimenticabile. Ora davanti a te hai un futuro da adulta e te lo auguro costellato di emozioni bellisssime e di grandi soddisfazioni, ma per ora tesoro mio non pensare all'università,  riposati e goditi la tua estate perchè mai come quest'anno te la sei meritata! E mente la figlia si riposa,  io invece ho davanti a me un luglio non solo lavorativo, ma anche abbastanza incasinato, visto che abbiamo deciso di ristrutturare un paio di stanze del nostro appartamento e non so a voi, ma a me gli operai a casa mi mandano in agitazione ...ok ora non ci pensiamo e passiamo invece alla ricetta di oggi, sapete che la mia ragazza ama particolarmente i dolci e anche in estate non rinuncia alle sue colazioni golose, e così il forno non si spegne mai. Fortunatamente esiste l'aria condizionata, altrimenti con queste temperature sarebbe complicata la vita nella mia cucina assolatissima. A proposito di temperature elevate, ho preferito preparare la frolla utilizzando il robot da cucina, proprio per evitare di far eccessivamente scaldare l'impasto, ma ovviamente se vivete in regioni fresche, potrete farlo anche a mano. 


Ingredienti
200 g di farina 00
50 gr di farina di mandorle
100 g di zucchero a velo
30 g di cacao amaro
170 g di burro
2 tuorli d' uovo
un cucchiaio di acqua fredda
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
un pizzico di sale

Procedimento
Preparate la frolla inserendo nel robot da cucina le lame e frullando le farine con il burro freddo così da ottenere la sabbiatura. Aggiungete poi il cacao, lo zucchero, l'estratto di vaniglia, i tuorli, l’acqua e frullate nuovamente fino ad otenere la classica palla. Avvolgete l'impasto nella pellicola e mettete a riposare in frigo per almeno un' ora. Trascorso il tempo di riposo, riprendete la frolla e staccate delle palline da circa 50 g ciascuna, quindi lavorate ogni pallina fino ad ottenerne un filoncino, poi piegatelo a metà e arrotolatelo su se stesso ottenendo una treccina. Adagiate le treccine ottenute su una teglia coperta con carta forno, infornate nel forno già caldo a 180° per circa 15 minuti, quindi sfornate e lasciate raffreddare su una gratella per dolci. Conservatele come al solito per i biscotti, in una scatola di latta, saranno perfette per tre o quattro giorni....oltre non mi è stato dato di sapere.
Buon appetito!




Buona vita 
e alla prossima ricetta!





26 giugno 2015

Ségolène Royal e la Nutella

Il Ministro dell’Ecologia francese, Ségolène Royal, nel corso di un’intervista ha invitato a non mangiare più Nutella per combattere la deforestazione causata dalle piantagioni di palma da olio. Praticamente è come se avesse detto che chi non mangia Nutella contribuisce a salvare il pianeta..... Ovviamente le sue dichiarazioni  sulla Nutella hanno scatenato le immediate reazioni non solo della società Ferrero, ma del mondo politico e di quello industriale italiano. Il primo ad intervenire è stato il nostro Ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti che ha visto nelle dichiarazioni di Ségolène Royal l’intento di danneggiare l’immagine dei prodotti dolciari italiani. ( Dopo che abbiamo già subito il blocco delle importazioni in Francia dei prodotti pugliesi, 102 specie vegetali tra cui ulivo, fico, albicocco, mandorlo, pesco, agrumi, ciliegio, gelso ecc.) Oltre la politica a  difesa dell’azienda dolciaria italiana è arrivato anche Greenpeace. Tutti a spiegare a Madame che l’olio di palma utilizzato per produrre la Nutella proviene da piantagioni sostenibili: la Ferrero, infatti,  utilizza al 100% olio di palma certificato sostenibile,   rispetta le normative della catena di approvvigionamento previste dal Roundtable on Sustainable Palm Oil  e ha istituito il Palm Oil Charter per combattere la deforestazione e sostenere le comunità locali dei Paesi che ospitano le piantagioni. E finalmente dopo tante polemiche, Madame Royale  .... si è pubblicamente scusata.  Ora cos'altro ci attacheranno? Perchè si divertono tanto a tentare di distruggere la nostra economia? Perchè vogliono danneggiare la nostra immagine colpendo i nostri prodotti? Ma non sarà solo puro marketing?  Non so, ma io d’ora in poi sarò sempre più per il made in Italy e soprattutto niente più made in France, ed inziamo con un  W la Nutella!!!!



Ingredienti
100gr di farina 00
50gr di fecola
80gr di zucchero semolato
50gr di nocciole Piemontesi
sale
2 cucchiaini di lievito per dolci
1 uovo bio
1 yogurt alla nocciola
Nutella
50 ml di latte
50 ml di olio evo

Procedimento
Iniziate tostando in forno, o in un padellino antiaderente, le nocciole. Una vota tostate e raffreddate, frullatele insieme ad un  cucchiaino di zucchero preso dal totale. In una ciotola unite le farine setacciate con il lievito, un pizzico di sale,  il resto dello zucchero, le nocciole tritate e mescolate per ben amalgamare tra loro  gli ingredienti secchi.  In un'altra ciotola mettete lo yougurt, 2 cucchiai abbondanti di Nutella e mescolate bene con un cucchiaio, fino ad ottenere una crema, poi aggiungete  l'uovo, l’olio e  il latte  e date una mescolata. A questo punto unite gli ingredienti  liquidi a quelli secchi e mescolate quel tanto che basta ad  amalgamare bene il composto. Riempite  delle formine  da muffin per 2/3 ed infornate a 180° areato per 20 minuti. Una volta pronti, lasciateli  raffreddare su una gratella per dolci, poi guarniteli con della Nutella e serviteli,  se siete golosissimi come me, con un ciuffo di panna montata.
Buon appetito!


Buona vita 
e alla prossima ricetta!



23 giugno 2015

Elicoidali in crema di zucchine con pancetta affumicata


Michelle Obama testimonial  per gli USA di un corretto stile di vita alimentare, accessibile e sostenibile, ama la pasta, e consiglia vivamente di inserirla nella dieta di tutti gli americani almeno due o tre volte la settimana, e fin qui  tutto ok, il problema  è quando arriva ai consigli di cottura. Secondo la first lady la pasta va cotta in pentola a pressione ....!!!!!..... segue e, cito testualmente: “grazie a questa tecnica si usano un ottavo del sale e un quinto dell’acqua rispetto alla cottura tradizionale. E non serve nemmeno l’olio”. La ricetta di Michelle è diventata la copertina del magazine di cucina Cooking Light, che si occupa di alimentazione sana. Ed ecco a voi la fantastica ricetta: pomodoro, spinaci e spaghetti cotti insieme nella pentola a pressione aggiungendo solo acqua e sale, per un piatto, come scrivono loro "gustoso e pronto in 30 minuti". ..... Non commento perchè non serve..... a volte il silenzio vale più di mille parole. Comunque per chi invece preferisse, all'innovazione americana la tradizione italiana, lascio una ricetta a parer mio realmente gustosa. Polemica io? Forse un pò, ma certe cose non si possono proprio sentire! Cara Michelle insegnami a fare i pancakes, il tacchino ripieno, i cookies, la mud pie ecc., ma ti prego la pasta lasciacela stare!

Ingredienti per 4 persone
350 gr di pasta corta ( per me tipo elicoidali)
350 gr di zucchine
100gr di pancetta affumicata  in una sola fetta
1 scalogno
olio e sale q.b.
4 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
Basilico
Maggiorana
Pepe bianco

Procedimento
Tagliate a cubettini la pancetta,  fatela rosolare in un padella antiaderente e lasciatela  da parte. Lavate, spuntate e tagliate a fettine sottili le zucchine. In un’altra padella fate appassire lo scalogno in un filo di olio evo, poi aggiungete  le zucchine, il basilico, la maggiorana , il sale e lasciate  cuocere per una decina di minuti. Nel frattempo mettete a cuocere la pasta in abbondante acqua salata. A cottura ultimata delle zucchine, frullatele con un mixer ad immersione aggiungendo il parmigiano e un  mestolino dell’acqua di cottura. Scolate la pasta al dente,  versatela nella padella con la pancetta, aggiungete la crema di zucchine e un altro mestolino  di acqua di cottura,  saltate a fiamma media per qualche minuto e servite immediatamente con una grattugiata di pepe bianco.
Buon appetito!


Buona vita
 e alla prossima ricetta!













21 giugno 2015

I lievitati....la vincitrice!

Ringrazio ancora di cuore  tutte voi per aver  partecipato  con tanto entusiasmo a questo contest,  siete state meravigliose! E’ stato molto difficile selezionare le dieci finaliste e difficilissimo  eleggere  la ricetta  vincitrice. Non mi voglio dilungare oltre, so bene quanto possiate essere curiose!

  Allora siete pronte per conoscere il nome della vincitrice?


Vince il contest sui lievitati....

Veronica

 del blog Peccati di dolcezze con Croissant sfogliati allo yogurt senza uova








Super mega complimenti !

Invito la vincitrice a scrivermi una mail con i suoi dati affinché le possa spedire il premio che, non avendo collaborazioni attive, ho scelto personalmente. Un bacio a tutte e ancora grazie !


Alice





 

18 giugno 2015

Brioche al latte di cocco

“Prendiamo in mano i nostri libri e le nostre penne,
 sono le nostre armi più potenti. 
Un bambino un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo [...]
 La pace in ogni casa, in ogni strada, in ogni villaggio, in ogni nazione
 questo è il mio sogno.
 L'istruzione per ogni bambino e bambina del mondo. 
Sedermi a scuola e leggere i libri insieme a tutte le mie amiche è un mio diritto"
( Malala Yousafzai ) 
 

Questa frase tratta dal libro di Malala Yousafzai, la più giovane vincitrice del Premio Nobel per la pace, è la traccia di tema che ieri mia figlia ha scelto durante la prima prova del suo esame di maturità e mentre lei era a scuola io mamma ansiosa ero …in ansia appunto. Dopo aver passato la prima ora a cercare in rete le indiscrezioni sui titoli scelti dal MIUR, ho dovuto assolutamente mettermi  a fare qualcosa e quando mi devo distrarre un lievitato è perfetto, però uno di quelli facili facili  perchè la  testa era poco presente. Un lievitato dolce che sarebbe stato anche perfetto al rientro della maturanda con lo stomaco chiuso, ma con la necessità di nutrirsi, ed in questo caso prenderla per la gola mi sembrava d’obbligo. E così ho pensato a queste sofficissime briochine al cocco, che  vi assicuro sono deliziose anche mangiate nature, ma  farcite come abbiamo fatto noi con la Nutella erano a dir poco sublimi! Sinceramente ritempranti dopo lo stress da esame della mattina. Ed oggi seconda prova, versione di latino… io ancora in ansia, mentre lei sempre tranquilla, e allora ho deciso di trascorrere la mattinata scrivendo questo post e poi  facendo un giro sui vostri blog per copiare qualche  idea golosa da proporre in questi giorni alla studiosa! In bocca al lupo amore e che Seneca  e Cicerone veglino su di te !!!


Ingredienti
500 gr di farina 280/300 W
50 gr di farina di cocco
150 ml di  latte  intero
100 ml di latte di cocco
30 gr di miele di acacia
40 gr di zucchero semolato
3.5 gr di lievito di birra disidratato
1 uovo bio
150 g di burro a temperatura ambiente
sale
 
Procedimento
Scaldate leggermente il latte intero, deve essere appena tiepido, e scioglieteci dentro lo zucchero. Nella ciotola dell’impastatrice mettete la farina (tranne 2/3 cucchiai per incorporare il burro ammorbidito ) il lievito, il latte zuccherato,  il miele, il latte di cocco a temperatura ambiente e l'uovo leggermente battuto con un pizzico di sale. Accendete l’impastatrice a velocità bassa e quando vedrete l’impasto prendere forma  iniziate ad aggiungere poco alla volta il burro ammorbidito e il resto della farina che avevate tenuto da parte. Non appena avrete finito di inserire tutto il burro passate a velocità sostenuta  e portate l’impasto ad incordatura.  Di solito ci vogliono circa 10 minuti. Una volta che l’impasto sarà pronto lasciatelo riposare per la prima lievitazione direttamente nella ciotola dell’impastatrice, coperta con della pellicola, in luogo caldo  fino al raddoppio. Ovviamente il tempo dipenderà dalla temperatura che avete in casa, normalmente  un paio di ore. Trascorso questo tempo, passate l’impasto sulla tavola e formate delle pezzature da 50/60gr  poi  con ogni pezzetto formate un cordoncino di circa 2 cm di diametro per 20/25 cm di lunghezza ed avvolgetelo a spirale. Poggiate le brioche su delle teglie rivestite di carta forno e coprite con un telo di cotone, lasciate riposare di nuovo fino al raddoppio. Accendete il forno in modalità statica a 180°, spennellate le brioche con del latte ed infornate per 20 minuti. Appena sfornate, spennellatele nuovamente con del latte e poi lasciatele raffreddare su una gratella per dolci. Come sempre se non le consumate tutte in giornata vi consiglio, per averle sempre perfettamente fragranti,  di surgelare singolarmente e tirarle fuori  poco prima di gustarle facendole scongelare a temperatura ambiente,  oppure  passandole direttamente nel micro per 10 secondi.
Buon appetito!



Buona vita
 e alla prossima ricetta!






15 giugno 2015

Snack al profumo di zenzero e ... le ricette finaliste!

Mercoledì mia figlia come tutti i maturandi di quest'anno inizierà il suo esame e non vi nascondo che in questi giorni si respira parecchia tensione in questa casa, d'altronte è il primo vero esame da affrontare ed è normale che faccia un pò paura, anche a chi come lei è stata ammessa con un'ottima media. Come sapete ogni contest da me organizzato si tramuta poi, al momento della scelta del vincitore, in una scusa per far festa, per stare con gli amici di sempre e mangiare buon cibo. Quest'anno abbiamo deciso,  invece di organizzare la solita cena, visto il tema del contest di optare per un brunch domenicale che avrà il doppio scopo di selezionare la ricetta vincitrice e cercare di far allentare la tensione alla maturanda alla vigilia della prova da lei più temuta, il terribile quizzone. Sono molto contenta che l’idea di mettere le mani in pasta sia piaciuta a così tante di voi ed è  stato sinceramente  difficilissimo scegliere tra le tante ricette deliziose che mi avete inviato, moltissime  avrebbero meritato di entrare almeno nella top ten, ma purtroppo ovviamente non è stato possibile. Per cui faticosamente  ecco a voi  le 10 ricette finaliste. Come da tradizione del mio blog, io e una mia amica grandissima cuoca (ma senza blog) abbiamo selezionato le ricette che saranno poi da noi preparate, come vi dicevo, per il brunch che verrà organizzato  per la giuria di amici/assaggiatori per  la prossima domenica, appositamente per decretare la ricetta vincitrice. Ovviamente non cucinerò tutto da sola,  ci divideremo le ricette con altre amiche abilissime in cucina e sul bouffet ci saranno anche marmellate per le brioche e salumi e formaggi per accompagnare i vari pani. Ogni giurato (siamo sempre i soliti 12) darà un voto alla sua ricetta preferita e semplicemente quella che avrà più voti vincerà! Ed ora signori e signore ecco a voi in perfetto ordine casuale le finaliste:



in bocca al lupo a tutte voi e che vinca il migliore!!


Ed ora passiamo alla ricetta di oggi. Non pensavate vi scrivessi un post senza lasciarvi neanche una ricettina veloce veloce ?! E allora ecco qui degli snack cioccolatosi profumati allo zenzero, perfetti per dare la carica alla mia povera studentessa, ma sicuramente perfetti per chiunque voglia togliersi un veloce sfizio goloso. 



Ingredienti per 4 snack
200 gr. di cioccolato fondente
50 gr. di riso soffiato
Zenzero fresco q.b.


Procedimento
Sciogliete il cioccolato a bagnomaria fino ad ottenere una crema liscia e lucida,  toglietelo dal fuoco e trasferitelo in una ciotola,  aggiungete il riso soffiato e lo zenzero grattugiato. Mescolate bene, poi date ai vostri snack la forma che preferite, io ho fatto delle semplici barrette. Man mano che le formate posizionatele su un vassoio rivestito di carta forno. Poi mettete in frigo a solidificare per almeno 30 minuti.  Trascorso il tempo necessario incartate le barrette una ad una con carta stagnola e conservatele in frigo fino al momento dell'assaggio.
Buon appetito!




Buona vita 
e alla prossima ricetta!









12 giugno 2015

Strudel salato con zucchine

È proibito
 piangere senza comprendere,
alzarsi un giorno senza sapere cosa fare,
aver paura dei propri ricordi.
È proibito
 non sorridere ai problemi,
non lottare per ciò che credi,
abbandonare tutto per paura,
non trasformare in realtà i tuoi sogni.
È proibito
 non dimostrare il tuo amore,
permettere che qualcuno paghi per il tuo malumore.
È proibito lasciare i tuoi amici,
non tentare di comprendere ciò che si è vissuto assieme,
chiamarli solo nel momento del bisogno.
È proibito
 non essere te stesso davanti alla gente,
fingere davanti alle persone di cui non ti importa,
essere gentili solo perchè gli altri si ricordino di te,
dimenticarti della gente che ti vuole bene.
È proibito
 non fare le cose per te stesso,
non credere in Dio e costruire il tuo destino,
aver paura della vita e di ciò che ti chiede,
non vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo respiro.
È proibito
 sentir la mancanza di qualcuno senza allegria,
dimenticare i suoi occhi, il suo sorriso, tutto,
solo perchè i vostri cammini si sono lasciati,
dimenticare il passato e pagarlo con il presente.
È proibito
 non tentare di comprendere le persone,
pensare che la loro vita valga più della tua,
non sapere che ognuno ha il suo cammino.
È proibito
 non creare la tua storia,
smettere di ringraziare Dio per la tua vita,
non comprendere ciò che la vita ti dà, pure se lo prende.
È proibito
 non cercare la tua felicità,
non vivere la tua vita con attitudine positiva,
non comprendere che possiamo essere migliori,
non sentire che senza di te
 questo mondo non sarebbe uguale
(A. Barrero)

Ormai sapete che in questo blog oltre alle ricette amo condividere anche poesie o testi di canzoni che mi piacciono o mi colpiscono particolarmente. Di quest'opera non si ha paternità certa, alcuni dicono sia di Neruda altri di Barrero, ma di certo è bellissima e profonda. Questa poesia, a parer mio, è un irresistibile inno alla vita, un incitamento al coraggio ad affrontare ogni giorno nuove sfide, a riuscire a credere sempre in sé stessi, nonostante i fallimenti, a cercare sempre la felicità e a scoprila nella semplicità. Una poesia da leggere e da rileggere in particolare in quei giorni in cui dimentichiamo tutto il bello che abbiamo e che ci circonda.Una poesia che io oggi dedico ad un'amica dolcissima... perchè il buio passa ed è proibito non cercare la tua felicità ... perchè senza di te questo mondo non sarebbe uguale.



Ingredienti
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
300 gr di  zucchine
1 scamorza affumicata
150 gr di prosciutto cotto di Praga
Parmigiano Reggiano grattugiato q.b.
Latte q.b.

Procedimento
Lavate, tagliate le zucchine per il lungo e poi  grigliatele. Mentre le preparate appogiatele mano a mano su un piatto e lasciatele raffreddare. Srotolate la pasta sfoglia e immaginate come se la doveste piegare  in 4 parti uguali  partendo dal lato corto, appoggiate nelle due parti centrali  le zucchine grigliate sovrapponendole leggermente, poi sopra fate uno strato con  la scamorza tagliata a fettine sottili e poi un altro con  il prosciutto cotto. In ultimo una bella spolverata di parmigiano grattugiato. A questo punto  piegate le due parti laterali rimaste vuote  a chiudere lo strudel sovrapponendone i lembi, spingete per sigillare bene. Foderate con carta forno una teglia e appoggiatevi al centro  il rustico  avendo cura che la chiusura vada nella parte inferiore, per cui a diretto contatto con la teglia. Bucherellate leggermente la parte superiore,  spennellate con del  latte e infornate in modalità areata a  180° per 45 minuti.
Buon appetito!





Buona vita
 e alla prossima ricetta!





7 giugno 2015

Smoothie alla fragola

Prima di tutto grazie! Per la precisione 132 grazie, perchè questo è esattamente il numero delle prelibatezze che avete voluto carinamente e affettuosamente regalarmi. Ragazze siete state fantastiche e la numerosa partecipazione a questo contest mi riempie di gioia, ora però dato il mega numero di ricette partecipanti,  vi chiedo  di portare un pò di pazienza perchè la valutazione non sarà certo facile! Intanto vi lascio la ricetta di oggi ... insomma ricetta è una parola grossa, però sono sicura che con questo caldo uno smoothie fresco, rigenerante, vitaminico e light  farà piacere a tutti! Le sue qualità nutrizionali sono indubbie: essendo fondamentalmente a base di frutta, uno smoothie assicura un importante apporto vitaminico, oltre che di altri elementi nutritivi quali i sali minerali e la fibra. Il bello è che la preparazione non richiede una preparazione, ma solo un pò di fantasia, basta scegliere gli ingredienti, metterli nel frullatore e ...il gioco è fatto!  Potrete decidere di utilizzare qualsiasi tipo di frutta, un solo tipo o più tipologie,  purché fresca. Se volete potete farlo anche con le verdure, ad esempio con le carote o il pomodoro o i cetrioli, ma anche aggiungendo basilico o menta, che conferiranno una nota aromatica. Ovviamente se vi piace potrete anche usare frutta e verdura insieme.....insomma liberate la fantasia e smoothie sia!



Ingredienti
125 gr di yogurt bianco
200gr di fragole
1 cucchiaio di miele di acacia
6 cubetti dighiaccio

Procedimento

Lavate le fragole, eliminate loro il picciolo e asciugatele. Mettetele nel boccale del frullatore insieme allo yogurt, al miele e al ghiaccio. Frullate alla massima potenza fino ad ottenere un composto cremoso. Versate lo smootie alle fragole nei bichieri freddi e servite.
Buon appetito!



Buona vita
 e alla prossima ricetta!




3 giugno 2015

Risotto alla crema di fave e pancetta affumicata

Le fave sono un alimento noto ed apprezzato praticamente da sempre,  un’orientativa datazione ne fa risalire i primi consumi all’Età del Bronzo, circa 3000 anni orsono, come attestano anche i resti rinvenuti nelle tombe egizie, a dimostrazione che proprio le fave sono stati i primi legumi che l’uomo abbia mangiato. Attraverso i secoli le fave, per le loro caratteristiche botaniche e per le loro proprietà alimentari, hanno evocato numerosi simbolismi, spesso fra loro contrastanti; in generale esse non godevano nel mondo classico di una buona reputazione poiché si pensava che nei loro semi esse racchiudessero le anime dei morti. Omero per primo nell’Iliade fa menzione delle fave. Il commediografo greco Aristofane asseriva che la zuppa di fave era stata il cibo preferito di Eracle mentre altre credenze ancora attribuivano loro proprietà afrodisiache. Lo storico Plutarco riporta che le fave, suddivise in bianche e nere, furono usate anche come mezzo di calcolo e successivamente anche come manifestazione di voto nell’elezione dei magistrati. Ai tempi dell'antica Roma il gastronomo Apicio, autore del ricettario, il De Re Coquinaria, dedicò alcune ricette alle fave. Le ricette per le preparazioni culinarie a base di fave sono tantissime, sono ottime crude o cotte, ad esempio in ottime minestre o in gustosi risotti, come questo.



Ingredienti per 4 persone
320 gr di riso carnaroli
400gr di fave fresche ( pesate sbucciate)
100 gr di pancetta affumicata in due fette
1 carota
1 scalogno
Brodo vegetale q.b.
Parmigiano reggiano q,b.
vino bianco
sale

Procedimento
Dopo aver sbucciato le fave, togliete loro anche la seconda pellicina. In un tegame antiaderente mettete un filo di olio, un trito di carota e scalogno e le fave, fate soffriggere poi aggiungete circa 4 mestoli di brodo caldo, aggiustate di sale e lasciate cuocere fino ad assorbimento del  liquido.  Trascorso il tempo necessario, circa 10 minuti,  togliete dal fuoco e frullate il tutto con il mixer ad immersione e tenete da parte. A questo punto nella pentola che userete per la cottura del risotto mettete a soffriggere  la pancetta tagliata a dadini, poi unite il riso lasciatelo tostare, sfumate con del vino bianco e procedete alla cottura unendo alternativamente la crema di fave e il brodo vegetale. A cottura ultimata mantecate con abbondante parmigiano rattugiato.
Buon appetito!



 Vi ricordo che avete tempo fino alle 24.00 di sabato 6 giugno
 per partecipare al mio contest .... vi aspetto con i vostri lievitati!



Buona vita e
alla prossima ricetta!







1 giugno 2015

Politica dei cookie in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy

Informativa estesa sull'utilizzo dei cookie di questo sito in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

Il Garante della Privacy  con provvedimento dell’ 08/05/2014 n° 229, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 03/06/2014,  impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informi di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinarne l’accettazione al proseguimento della navigazione.
Premesso che  il blog La cucina di Esme  è ospitato gratuitamente dalla piattaforma Blogger, e che pertanto la maggior parte delle informazioni personali e i relativi cookie sono visibili e gestiti da Blogger secondo la policy di Google e che nessun file cookie degli utenti visitatori del sito è  gestibile dall’amministratore del presente blog, si dichiara quanto segue: 

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log. Registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Questi dati vengono raccolti in forma anonima da Google per fornire dati sul traffico aggregato che interessa il sito. Tali dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente.

Cookie tecnici: questo sito utilizza unicamente Cookie di natura tecnica per consentire una navigazione utile ed efficace del sito stesso, e per consentire all’utente di lasciare commenti fornendo email e nick name.

Cookie dei Social: questo sito ha alcuni plugin di siti social (Facebook, Twitter, Pinterest) che possono utilizzare cookie per inviare dati ai rispettivi siti. Per avere maggiori informazioni in merito si può consultare la pagina per la Politica della Privacy dei vari siti.

Cookie di profilazione: Il sito La cucina di Esme  non utilizza cookie di profilazione propri, quelli eventualmente presenti sono esclusivamente controllati da terze parti e quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti ( ad es. Facebook, Google ecc.)  così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser.

Pulsanti social: i pulsanti presenti sul sito che raffigurano le icone dei seguenti social network: Facebook, Google+, Bloglovin, Pinterest sono solo dei link che rinviano agli account dell'amministratore sui social network raffigurati. Tramite l’utilizzo di tali pulsanti non sono pertanto installati sul sito cookie di terze parti.

E-mail: l'e-mail utilizzata per commentare un post, richiedere informazioni o supporto non sarà nè mostrata nè condivisa con terze parti.


Google Analytics: I cookie analytics sono cookie tecnici e utilizzati solo a fini di ottimizzazione e gli IP degli utenti sono mantenuti anonimi. Questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics, solo per avere anonimamente i dati delle pagine più visitate, il numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy. Ogni utente, se desidera,  può comunque  disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componente aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox,Internet Explorer, Opera e Safari .

E'  comunque possibile da parte di ogni utente disabilitare la memorizzazione dei coockie sul proprio browser seguendo le rispettive istruzioni a riguardo, resta inteso che ciò potrebbe peggiorare la navigazione e la fruizione dei contenuti del sito.


NAVIGAZIONE ANONIMA

Una navigazione senza l'utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie la potrete trovare sulle pagine dedicate direttaemente al browser di vostro utilizzo.




FAQ frequenti :

1. Che cosa sono i cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni  che  i  siti visitati  dall'utente  inviano  al  suo  terminale  (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere  poi  ritrasmessi  agli stessi siti alla successiva visita del  medesimo  utente.  Nel  corso della  navigazione  su  un  sito,  l'utente  può  ricevere  sul  suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o  da  web  server diversi (c.d. "terze parti").



2. A cosa servono i cookies?
Sono necessari per garantire la normale fruizione del sito web e dei suoi servizi.

3. Ci sono vari tipi di Cookie?
Il legislatore ha individuato  due  macro-categorie:  cookie  "tecnici"  e  cookie   "di profilazione". 


I cookie tecnici  sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su  una  rete  di  comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al  fornitore  di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art.  122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori. Possono
essere ulteriormente suddivisi  in  cookie  di  navigazione  o  di  sessione,  che garantiscono  la  normale  navigazione  e  fruizione  del  sito   web (permettendo, ad esempio, di realizzare un  acquisto  o  autenticarsi
per accedere ad aree  riservate);  cookie  analytics,  assimilati  ai cookie tecnici  sono utilizzati  per raccogliere informazioni, in forma aggregata,  sul  numero  degli utenti  e  su  come  questi  visitano  il  sito  stesso;  cookie   di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione  in  funzione di una serie  di  criteri  selezionati  (ad  esempio,  la  lingua,  i prodotti  selezionati  per  l'acquisto)  al  fine  di  migliorare  il servizio reso allo stesso.    Per l'installazione di tali cookie non è richiesto  il  preventivo consenso  degli  utenti. 
I cookie di profilazione  sono  volti  a  creare  profili  relativi all'utente  e  vengono  utilizzati  al  fine  di   inviare   messaggi pubblicitari in linea con  le  preferenze  manifestate  dallo  stesso nell'ambito della navigazione in rete. In ragione  della  particolare invasività che tali  dispositivi  possono  avere  nell'ambito  della  sfera privata degli utenti, la normativa europea e  italiana  prevede che l'utente debba  essere  adeguatamente  informato  sull'uso  degli stessi ed esprimere così il proprio consenso. 


4. In che modo gli webmaster possono richiedere il consenso?
Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente sia una informativa breve con la richiesta del consenso sia un link per l'informativa più estesa, come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie e sulla loro distinzione tra cookie tecnici e di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...