1 agosto 2015

Si chiude per ferie!

Finalmente è arrivato il momento delle meritate lunghe vacanze estive. Dopo un luglio africano trascorso in città, divisa tra ufficio e ristrutturazione in casa, in cui per forza di cose la cucina ne ha sofferto e di conseguenza anche il blog, ora finalmente ci si trasferisce al mare e poi un bel viaggio al freddo, adoro andare contro stagione! A casa al mare come sapete, ho una pessima connessione  per cui non so se riuscirò a passare dai vostri blog, ma ci proverò! Intanto auguro a tutti i miei lettori di passaggio e a tutte le mie amiche di fornelli un meraviglioso mese di agosto, per chi ancora deve partire o per chi è già tornato .... buon relax a tutti!  Anche il mio blog oggi chiude e va in ferie e allora mi raccomando, che sia mare, montagna o città ......riposatevi !!!!
 




Ci rivediamo a settembre!








8 luglio 2015

Insalata di riso light con olio aromatizzato alla menta

Questo mese di luglio è a dir poco infuocato. Il protagonista e il colpevole è Flegetonte, così i metereologi hanno chiamato l'anticiclone africano che ha preso di mira tutta l'Italia. Nella mitologia Flegetonte è uno dei fiumi che scorrono nell'Ade, l'oltretomba nella mitologia greca. Il fiume infernale  che scorre attorno a Erebo e che rappresenta la parte più tenebrosa dell'Ade e confluisce, assieme al Cocito, nell'Acheronte. Il suo nome significa "fiume del fuoco".  E questo fuoco ha fatto schizzare  all'insù le temperature in tutte le nostre regioni.  In certe città della nostra  penisola si sfiorano i 40°  e la percezione che si ha, dovuta anche all'umidità, è decisamente più alta. Non so da voi, ma a Roma la condizione climatica per certi versi diventa invivibile, ci costringe ad uscire il meno possibile e ci obbliga a vivere attaccati ai condizionatori d’aria. A casa mia praticamente non riesco a spegnerli. Un afa insostenibile che toglie la fame…. ma bisogna pur nutrirsi  ed allora si va di gelati, di frutta,  di insalate, di preparazioni che si possano o non cuocere, o cucinare  prima,  magari al mattino presto quando l’aria è più respirabile. Nell'attesa che le temperature tornino a livelli normali per la stagione, e che la voglia di cucinare si riappropi di me,  vi lascio questa insalata di riso, fresca, veloce ed anche light, perfetta da mangiare sotto l'ombrellone, per i fortunati che sono in vacanza, o da portare in ufficio nel lunch box per chi come me, è ancora al chiodo in città.




Ingredienti per 4 persone
200 gr di riso Carnaroli
600 gr di zucchine
400 gr di tonno al naturale

Per olio aromatizzato
50 ml di olio extravergine di oliva
1 spicchi di aglio
10 foglie di basilico
4 rametti di menta
 
Procedimento
Iniziate preparando l’olio aromatizzato il giorno precedente.  Pelate lo spicchio di aglio e tagliatelo a fettine sottili, lavate e asciugate molto bene le erbe aromatiche. In un recipiente  a chiusura ermetica  mettete  l'aglio,  le erbe aromatiche spezzettate con le mani e aggiungete l'olio extravergine. Chiudete il recipiente e  ponete in un luogo fresco a riposare per un giorno. Preparate ora l’insalata di riso. Lavate e spuntate le zucchine, poi affettatele per il lungo,  grigliatele e lasciatele da parte. Lessate il riso al dente  in acqua bollente salata e quando sarà pronto,  scolatelo e passatelo immediatamente sotto il getto dell’acqua fredda. Mettete il riso in una ciotola, unite il tonno spezzettato e le zucchine grigliate ridotte a pezzettini. Filtrate il vostro olio aromatizzato e conditeci l’insalata, lasciate insaporire per  almeno un paio di ore prima di servire. Si conserva perfettamente in frigorifero per un paio di giorni.   
Buon appetito!





Buona vita
 e alla prossima ricetta!










3 luglio 2015

Farfalle fredde al pesto di basilico con dadolata di pomodori e ovolina di bufala

«La mozzarella assicurati che sia buona.
Prendila con due dita e premi
 se cola il latte, te la pigli
se no ... desisti».
( Da Miseria e Nobiltà)

Totò in Miseria e Nobiltà aveva risolto il dilemma di come riconoscere una vera mozzarella. Nella famosa scena del cappotto, Don Pasquale il fotografo si rivolge a Felice Sciosciammocca dicendo: «Assicurati che la mozzarella  sia buona. Prendila con due dita e premi  se cola il latte te la pigli, se no desisti». Questa pasta che vi propongo oggi, perfetta per questi giorni di afa africana, è facilissima, veloce e vi assicuro ottima. Ma  necessita,  per la sua buona riuscita, necessariamente di ottime materie prime. Come tutte le preparazioni semplici in cucina  gli ingredienti fanno la differenza, per cui basilico profumato,  se non ne avete di vostro (io preparo questa pasta ogni volta le mie piante necessitano di cimatura)  non lo comprate in vaschetta al super , fatevelo dare fresco al banco del mercato, i pomodori potrete scegliere la varietà che preferite purchè non eccessivamente maturi,  e le mozzarelle  di bufala,  quella vera   che quando le tagli esce il latte….altrimenti desistete!  Come altro potete capire quando la mozzarella è vera e buona?  Dal colore, deve essere bianco perla,  poiché il latte di bufala è privo di betacarotene e quindi il colore del prodotto finito non tenderà mai al giallo paglierino come per il fior di latte. Dal profumo,  il sentore identificativo della vera mozzarella di bufala  è il muschiato. Un aroma che è caratteristico del latte di bufala e ricorda in maniera molto lieve e delicata quello del muschio insieme ovviamente alla nota di latte fresco. E poi in ultimo la nota dolente, il prezzo,  Il latte di bufala ha un costo  triplo rispetto ad latte di mucca di altissima qualità, quindi il prezzo è sicuramente più alto di una mozzarella di latte vaccino, ma l’assaggio avvolgente e appagante vi ripagherà alla grande della spesa.


Ingredienti per 4 persone
1 mazzo di  basilico
60 gr di Pinoli
1 spicchio di aglio
Olio evo q.b.
300 gr di pasta corta formato farfalle
4 pomodori  maturi da insalata
4 mozzarelline  di bufala  da 50 gr l’una

Procedimento
Lavate accuratamente le foglie di basilico,  tamponatele con della carta da cucina  per asciugarle  oppure fate come me  e asciugatele nella centrifuga per l’insalata,  poi  mettete  le foglie di  basilico nel  robot da cucina senza pigiarle eccessivamente.  Aggiungete i pinoli, l’aglio a pezzettini,  il sale grosso  e un po’ di olio evo .  Frullate e se occorre aggiungete  ancora  olio fino ad ottenere la consistenza giusta.  Lavate i pomodori e  riduceteli  in una dadolata.  Lessate la pasta in abbondante acqua bollente salata,  scolatela al dente e  freddatela sotto il getto dell’acqua fredda. Mettete la pasta in una ciotola,  conditela con il pesto e mescolate bene. Coprite la ciotola con pellicola trasparente e conservate a temperatura ambiente o in frigo fino al momento di servire. Solo pochi minuti prima di portare in tavola aggiungete  la dadolata di pomodori (altrimenti rischiereste che buttino acqua) e  la  mozzarellina di bufala, una a testa.
Buon appetito! 



Buona vita 
e alla prossima ricetta!




30 giugno 2015

Treccine mandorle e cioccolato


Abbiamo tutti le nostre macchine del tempo.
 Alcune ci riportano indietro,
 e si chiamano ricordi.
 Alcune ci portano avanti,
 e si chiamano sogni. 



Finalmente con l'ultimo tour di force  di sabato (arrivate a scuola alle 10.00 - colloquio iniziato alle 12.30) e dopo 60 minuti esatti di una brillantissima performance da parte tua, anche l'orale è andato e gli esami sono finiti! E con loro sono andate via tutte le ansie di questi ultimi mesi, tutto lo stress, ma soprattutto si è chiuso un grande capitolo di vita, in me un pochino di malinconia forse c'è, ma veramente pochissima. Perchè in questi quasi 19 anni insieme, se potessi avere veramente una macchina del tempo, non saprei a quale momento tornare perchè con te ogni secondo è stato magnifico ed indimenticabile. Ora davanti a te hai un futuro da adulta e te lo auguro costellato di emozioni bellisssime e di grandi soddisfazioni, ma per ora tesoro mio non pensare all'università,  riposati e goditi la tua estate perchè mai come quest'anno te la sei meritata! E mente la figlia si riposa,  io invece ho davanti a me un luglio non solo lavorativo, ma anche abbastanza incasinato, visto che abbiamo deciso di ristrutturare un paio di stanze del nostro appartamento e non so a voi, ma a me gli operai a casa mi mandano in agitazione ...ok ora non ci pensiamo e passiamo invece alla ricetta di oggi, sapete che la mia ragazza ama particolarmente i dolci e anche in estate non rinuncia alle sue colazioni golose, e così il forno non si spegne mai. Fortunatamente esiste l'aria condizionata, altrimenti con queste temperature sarebbe complicata la vita nella mia cucina assolatissima. A proposito di temperature elevate, ho preferito preparare la frolla utilizzando il robot da cucina, proprio per evitare di far eccessivamente scaldare l'impasto, ma ovviamente se vivete in regioni fresche, potrete farlo anche a mano. 


Ingredienti
200 g di farina 00
50 gr di farina di mandorle
100 g di zucchero a velo
30 g di cacao amaro
170 g di burro
2 tuorli d' uovo
un cucchiaio di acqua fredda
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
un pizzico di sale

Procedimento
Preparate la frolla inserendo nel robot da cucina le lame e frullando le farine con il burro freddo così da ottenere la sabbiatura. Aggiungete poi il cacao, lo zucchero, l'estratto di vaniglia, i tuorli, l’acqua e frullate nuovamente fino ad otenere la classica palla. Avvolgete l'impasto nella pellicola e mettete a riposare in frigo per almeno un' ora. Trascorso il tempo di riposo, riprendete la frolla e staccate delle palline da circa 50 g ciascuna, quindi lavorate ogni pallina fino ad ottenerne un filoncino, poi piegatelo a metà e arrotolatelo su se stesso ottenendo una treccina. Adagiate le treccine ottenute su una teglia coperta con carta forno, infornate nel forno già caldo a 180° per circa 15 minuti, quindi sfornate e lasciate raffreddare su una gratella per dolci. Conservatele come al solito per i biscotti, in una scatola di latta, saranno perfette per tre o quattro giorni....oltre non mi è stato dato di sapere.
Buon appetito!




Buona vita 
e alla prossima ricetta!





26 giugno 2015

Ségolène Royal e la Nutella

Il Ministro dell’Ecologia francese, Ségolène Royal, nel corso di un’intervista ha invitato a non mangiare più Nutella per combattere la deforestazione causata dalle piantagioni di palma da olio. Praticamente è come se avesse detto che chi non mangia Nutella contribuisce a salvare il pianeta..... Ovviamente le sue dichiarazioni  sulla Nutella hanno scatenato le immediate reazioni non solo della società Ferrero, ma del mondo politico e di quello industriale italiano. Il primo ad intervenire è stato il nostro Ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti che ha visto nelle dichiarazioni di Ségolène Royal l’intento di danneggiare l’immagine dei prodotti dolciari italiani. ( Dopo che abbiamo già subito il blocco delle importazioni in Francia dei prodotti pugliesi, 102 specie vegetali tra cui ulivo, fico, albicocco, mandorlo, pesco, agrumi, ciliegio, gelso ecc.) Oltre la politica a  difesa dell’azienda dolciaria italiana è arrivato anche Greenpeace. Tutti a spiegare a Madame che l’olio di palma utilizzato per produrre la Nutella proviene da piantagioni sostenibili: la Ferrero, infatti,  utilizza al 100% olio di palma certificato sostenibile,   rispetta le normative della catena di approvvigionamento previste dal Roundtable on Sustainable Palm Oil  e ha istituito il Palm Oil Charter per combattere la deforestazione e sostenere le comunità locali dei Paesi che ospitano le piantagioni. E finalmente dopo tante polemiche, Madame Royale  .... si è pubblicamente scusata.  Ora cos'altro ci attacheranno? Perchè si divertono tanto a tentare di distruggere la nostra economia? Perchè vogliono danneggiare la nostra immagine colpendo i nostri prodotti? Ma non sarà solo puro marketing?  Non so, ma io d’ora in poi sarò sempre più per il made in Italy e soprattutto niente più made in France, ed inziamo con un  W la Nutella!!!!



Ingredienti
100gr di farina 00
50gr di fecola
80gr di zucchero semolato
50gr di nocciole Piemontesi
sale
2 cucchiaini di lievito per dolci
1 uovo bio
1 yogurt alla nocciola
Nutella
50 ml di latte
50 ml di olio evo

Procedimento
Iniziate tostando in forno, o in un padellino antiaderente, le nocciole. Una vota tostate e raffreddate, frullatele insieme ad un  cucchiaino di zucchero preso dal totale. In una ciotola unite le farine setacciate con il lievito, un pizzico di sale,  il resto dello zucchero, le nocciole tritate e mescolate per ben amalgamare tra loro  gli ingredienti secchi.  In un'altra ciotola mettete lo yougurt, 2 cucchiai abbondanti di Nutella e mescolate bene con un cucchiaio, fino ad ottenere una crema, poi aggiungete  l'uovo, l’olio e  il latte  e date una mescolata. A questo punto unite gli ingredienti  liquidi a quelli secchi e mescolate quel tanto che basta ad  amalgamare bene il composto. Riempite  delle formine  da muffin per 2/3 ed infornate a 180° areato per 20 minuti. Una volta pronti, lasciateli  raffreddare su una gratella per dolci, poi guarniteli con della Nutella e serviteli,  se siete golosissimi come me, con un ciuffo di panna montata.
Buon appetito!


Buona vita 
e alla prossima ricetta!



23 giugno 2015

Elicoidali in crema di zucchine con pancetta affumicata


Michelle Obama testimonial  per gli USA di un corretto stile di vita alimentare, accessibile e sostenibile, ama la pasta, e consiglia vivamente di inserirla nella dieta di tutti gli americani almeno due o tre volte la settimana, e fin qui  tutto ok, il problema  è quando arriva ai consigli di cottura. Secondo la first lady la pasta va cotta in pentola a pressione ....!!!!!..... segue e, cito testualmente: “grazie a questa tecnica si usano un ottavo del sale e un quinto dell’acqua rispetto alla cottura tradizionale. E non serve nemmeno l’olio”. La ricetta di Michelle è diventata la copertina del magazine di cucina Cooking Light, che si occupa di alimentazione sana. Ed ecco a voi la fantastica ricetta: pomodoro, spinaci e spaghetti cotti insieme nella pentola a pressione aggiungendo solo acqua e sale, per un piatto, come scrivono loro "gustoso e pronto in 30 minuti". ..... Non commento perchè non serve..... a volte il silenzio vale più di mille parole. Comunque per chi invece preferisse, all'innovazione americana la tradizione italiana, lascio una ricetta a parer mio realmente gustosa. Polemica io? Forse un pò, ma certe cose non si possono proprio sentire! Cara Michelle insegnami a fare i pancakes, il tacchino ripieno, i cookies, la mud pie ecc., ma ti prego la pasta lasciacela stare!

Ingredienti per 4 persone
350 gr di pasta corta ( per me tipo elicoidali)
350 gr di zucchine
100gr di pancetta affumicata  in una sola fetta
1 scalogno
olio e sale q.b.
4 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
Basilico
Maggiorana
Pepe bianco

Procedimento
Tagliate a cubettini la pancetta,  fatela rosolare in un padella antiaderente e lasciatela  da parte. Lavate, spuntate e tagliate a fettine sottili le zucchine. In un’altra padella fate appassire lo scalogno in un filo di olio evo, poi aggiungete  le zucchine, il basilico, la maggiorana , il sale e lasciate  cuocere per una decina di minuti. Nel frattempo mettete a cuocere la pasta in abbondante acqua salata. A cottura ultimata delle zucchine, frullatele con un mixer ad immersione aggiungendo il parmigiano e un  mestolino dell’acqua di cottura. Scolate la pasta al dente,  versatela nella padella con la pancetta, aggiungete la crema di zucchine e un altro mestolino  di acqua di cottura,  saltate a fiamma media per qualche minuto e servite immediatamente con una grattugiata di pepe bianco.
Buon appetito!


Buona vita
 e alla prossima ricetta!













21 giugno 2015

I lievitati....la vincitrice!

Ringrazio ancora di cuore  tutte voi per aver  partecipato  con tanto entusiasmo a questo contest,  siete state meravigliose! E’ stato molto difficile selezionare le dieci finaliste e difficilissimo  eleggere  la ricetta  vincitrice. Non mi voglio dilungare oltre, so bene quanto possiate essere curiose!

  Allora siete pronte per conoscere il nome della vincitrice?


Vince il contest sui lievitati....

Veronica

 del blog Peccati di dolcezze con Croissant sfogliati allo yogurt senza uova








Super mega complimenti !

Invito la vincitrice a scrivermi una mail con i suoi dati affinché le possa spedire il premio che, non avendo collaborazioni attive, ho scelto personalmente. Un bacio a tutte e ancora grazie !


Alice





 

18 giugno 2015

Brioche al latte di cocco

“Prendiamo in mano i nostri libri e le nostre penne,
 sono le nostre armi più potenti. 
Un bambino un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo [...]
 La pace in ogni casa, in ogni strada, in ogni villaggio, in ogni nazione
 questo è il mio sogno.
 L'istruzione per ogni bambino e bambina del mondo. 
Sedermi a scuola e leggere i libri insieme a tutte le mie amiche è un mio diritto"
( Malala Yousafzai ) 
 

Questa frase tratta dal libro di Malala Yousafzai, la più giovane vincitrice del Premio Nobel per la pace, è la traccia di tema che ieri mia figlia ha scelto durante la prima prova del suo esame di maturità e mentre lei era a scuola io mamma ansiosa ero …in ansia appunto. Dopo aver passato la prima ora a cercare in rete le indiscrezioni sui titoli scelti dal MIUR, ho dovuto assolutamente mettermi  a fare qualcosa e quando mi devo distrarre un lievitato è perfetto, però uno di quelli facili facili  perchè la  testa era poco presente. Un lievitato dolce che sarebbe stato anche perfetto al rientro della maturanda con lo stomaco chiuso, ma con la necessità di nutrirsi, ed in questo caso prenderla per la gola mi sembrava d’obbligo. E così ho pensato a queste sofficissime briochine al cocco, che  vi assicuro sono deliziose anche mangiate nature, ma  farcite come abbiamo fatto noi con la Nutella erano a dir poco sublimi! Sinceramente ritempranti dopo lo stress da esame della mattina. Ed oggi seconda prova, versione di latino… io ancora in ansia, mentre lei sempre tranquilla, e allora ho deciso di trascorrere la mattinata scrivendo questo post e poi  facendo un giro sui vostri blog per copiare qualche  idea golosa da proporre in questi giorni alla studiosa! In bocca al lupo amore e che Seneca  e Cicerone veglino su di te !!!


Ingredienti
500 gr di farina 280/300 W
50 gr di farina di cocco
150 ml di  latte  intero
100 ml di latte di cocco
30 gr di miele di acacia
40 gr di zucchero semolato
3.5 gr di lievito di birra disidratato
1 uovo bio
150 g di burro a temperatura ambiente
sale
 
Procedimento
Scaldate leggermente il latte intero, deve essere appena tiepido, e scioglieteci dentro lo zucchero. Nella ciotola dell’impastatrice mettete la farina (tranne 2/3 cucchiai per incorporare il burro ammorbidito ) il lievito, il latte zuccherato,  il miele, il latte di cocco a temperatura ambiente e l'uovo leggermente battuto con un pizzico di sale. Accendete l’impastatrice a velocità bassa e quando vedrete l’impasto prendere forma  iniziate ad aggiungere poco alla volta il burro ammorbidito e il resto della farina che avevate tenuto da parte. Non appena avrete finito di inserire tutto il burro passate a velocità sostenuta  e portate l’impasto ad incordatura.  Di solito ci vogliono circa 10 minuti. Una volta che l’impasto sarà pronto lasciatelo riposare per la prima lievitazione direttamente nella ciotola dell’impastatrice, coperta con della pellicola, in luogo caldo  fino al raddoppio. Ovviamente il tempo dipenderà dalla temperatura che avete in casa, normalmente  un paio di ore. Trascorso questo tempo, passate l’impasto sulla tavola e formate delle pezzature da 50/60gr  poi  con ogni pezzetto formate un cordoncino di circa 2 cm di diametro per 20/25 cm di lunghezza ed avvolgetelo a spirale. Poggiate le brioche su delle teglie rivestite di carta forno e coprite con un telo di cotone, lasciate riposare di nuovo fino al raddoppio. Accendete il forno in modalità statica a 180°, spennellate le brioche con del latte ed infornate per 20 minuti. Appena sfornate, spennellatele nuovamente con del latte e poi lasciatele raffreddare su una gratella per dolci. Come sempre se non le consumate tutte in giornata vi consiglio, per averle sempre perfettamente fragranti,  di surgelare singolarmente e tirarle fuori  poco prima di gustarle facendole scongelare a temperatura ambiente,  oppure  passandole direttamente nel micro per 10 secondi.
Buon appetito!



Buona vita
 e alla prossima ricetta!






15 giugno 2015

Snack al profumo di zenzero e ... le ricette finaliste!

Mercoledì mia figlia come tutti i maturandi di quest'anno inizierà il suo esame e non vi nascondo che in questi giorni si respira parecchia tensione in questa casa, d'altronte è il primo vero esame da affrontare ed è normale che faccia un pò paura, anche a chi come lei è stata ammessa con un'ottima media. Come sapete ogni contest da me organizzato si tramuta poi, al momento della scelta del vincitore, in una scusa per far festa, per stare con gli amici di sempre e mangiare buon cibo. Quest'anno abbiamo deciso,  invece di organizzare la solita cena, visto il tema del contest di optare per un brunch domenicale che avrà il doppio scopo di selezionare la ricetta vincitrice e cercare di far allentare la tensione alla maturanda alla vigilia della prova da lei più temuta, il terribile quizzone. Sono molto contenta che l’idea di mettere le mani in pasta sia piaciuta a così tante di voi ed è  stato sinceramente  difficilissimo scegliere tra le tante ricette deliziose che mi avete inviato, moltissime  avrebbero meritato di entrare almeno nella top ten, ma purtroppo ovviamente non è stato possibile. Per cui faticosamente  ecco a voi  le 10 ricette finaliste. Come da tradizione del mio blog, io e una mia amica grandissima cuoca (ma senza blog) abbiamo selezionato le ricette che saranno poi da noi preparate, come vi dicevo, per il brunch che verrà organizzato  per la giuria di amici/assaggiatori per  la prossima domenica, appositamente per decretare la ricetta vincitrice. Ovviamente non cucinerò tutto da sola,  ci divideremo le ricette con altre amiche abilissime in cucina e sul bouffet ci saranno anche marmellate per le brioche e salumi e formaggi per accompagnare i vari pani. Ogni giurato (siamo sempre i soliti 12) darà un voto alla sua ricetta preferita e semplicemente quella che avrà più voti vincerà! Ed ora signori e signore ecco a voi in perfetto ordine casuale le finaliste:



in bocca al lupo a tutte voi e che vinca il migliore!!


Ed ora passiamo alla ricetta di oggi. Non pensavate vi scrivessi un post senza lasciarvi neanche una ricettina veloce veloce ?! E allora ecco qui degli snack cioccolatosi profumati allo zenzero, perfetti per dare la carica alla mia povera studentessa, ma sicuramente perfetti per chiunque voglia togliersi un veloce sfizio goloso. 



Ingredienti per 4 snack
200 gr. di cioccolato fondente
50 gr. di riso soffiato
Zenzero fresco q.b.


Procedimento
Sciogliete il cioccolato a bagnomaria fino ad ottenere una crema liscia e lucida,  toglietelo dal fuoco e trasferitelo in una ciotola,  aggiungete il riso soffiato e lo zenzero grattugiato. Mescolate bene, poi date ai vostri snack la forma che preferite, io ho fatto delle semplici barrette. Man mano che le formate posizionatele su un vassoio rivestito di carta forno. Poi mettete in frigo a solidificare per almeno 30 minuti.  Trascorso il tempo necessario incartate le barrette una ad una con carta stagnola e conservatele in frigo fino al momento dell'assaggio.
Buon appetito!




Buona vita 
e alla prossima ricetta!









12 giugno 2015

Strudel salato con zucchine

È proibito
 piangere senza comprendere,
alzarsi un giorno senza sapere cosa fare,
aver paura dei propri ricordi.
È proibito
 non sorridere ai problemi,
non lottare per ciò che credi,
abbandonare tutto per paura,
non trasformare in realtà i tuoi sogni.
È proibito
 non dimostrare il tuo amore,
permettere che qualcuno paghi per il tuo malumore.
È proibito lasciare i tuoi amici,
non tentare di comprendere ciò che si è vissuto assieme,
chiamarli solo nel momento del bisogno.
È proibito
 non essere te stesso davanti alla gente,
fingere davanti alle persone di cui non ti importa,
essere gentili solo perchè gli altri si ricordino di te,
dimenticarti della gente che ti vuole bene.
È proibito
 non fare le cose per te stesso,
non credere in Dio e costruire il tuo destino,
aver paura della vita e di ciò che ti chiede,
non vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo respiro.
È proibito
 sentir la mancanza di qualcuno senza allegria,
dimenticare i suoi occhi, il suo sorriso, tutto,
solo perchè i vostri cammini si sono lasciati,
dimenticare il passato e pagarlo con il presente.
È proibito
 non tentare di comprendere le persone,
pensare che la loro vita valga più della tua,
non sapere che ognuno ha il suo cammino.
È proibito
 non creare la tua storia,
smettere di ringraziare Dio per la tua vita,
non comprendere ciò che la vita ti dà, pure se lo prende.
È proibito
 non cercare la tua felicità,
non vivere la tua vita con attitudine positiva,
non comprendere che possiamo essere migliori,
non sentire che senza di te
 questo mondo non sarebbe uguale
(A. Barrero)

Ormai sapete che in questo blog oltre alle ricette amo condividere anche poesie o testi di canzoni che mi piacciono o mi colpiscono particolarmente. Di quest'opera non si ha paternità certa, alcuni dicono sia di Neruda altri di Barrero, ma di certo è bellissima e profonda. Questa poesia, a parer mio, è un irresistibile inno alla vita, un incitamento al coraggio ad affrontare ogni giorno nuove sfide, a riuscire a credere sempre in sé stessi, nonostante i fallimenti, a cercare sempre la felicità e a scoprila nella semplicità. Una poesia da leggere e da rileggere in particolare in quei giorni in cui dimentichiamo tutto il bello che abbiamo e che ci circonda.Una poesia che io oggi dedico ad un'amica dolcissima... perchè il buio passa ed è proibito non cercare la tua felicità ... perchè senza di te questo mondo non sarebbe uguale.



Ingredienti
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
300 gr di  zucchine
1 scamorza affumicata
150 gr di prosciutto cotto di Praga
Parmigiano Reggiano grattugiato q.b.
Latte q.b.

Procedimento
Lavate, tagliate le zucchine per il lungo e poi  grigliatele. Mentre le preparate appogiatele mano a mano su un piatto e lasciatele raffreddare. Srotolate la pasta sfoglia e immaginate come se la doveste piegare  in 4 parti uguali  partendo dal lato corto, appoggiate nelle due parti centrali  le zucchine grigliate sovrapponendole leggermente, poi sopra fate uno strato con  la scamorza tagliata a fettine sottili e poi un altro con  il prosciutto cotto. In ultimo una bella spolverata di parmigiano grattugiato. A questo punto  piegate le due parti laterali rimaste vuote  a chiudere lo strudel sovrapponendone i lembi, spingete per sigillare bene. Foderate con carta forno una teglia e appoggiatevi al centro  il rustico  avendo cura che la chiusura vada nella parte inferiore, per cui a diretto contatto con la teglia. Bucherellate leggermente la parte superiore,  spennellate con del  latte e infornate in modalità areata a  180° per 45 minuti.
Buon appetito!





Buona vita
 e alla prossima ricetta!





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...