15 gennaio 2012

Spatzle allo speck

Come vi ho raccontato nei post precedenti sono stata una settimana in vacanza in un delizioso paesino del Trentino e lì  ho scoperto un primo piatto molto gustoso gli spatzle, nome difficile, ma ricetta facile. Sono simili a degli gnocchetti e per farli serve un attrezzo particolare  che ovviamente ho comprato. Insieme a questa specie di grattugia si trova sempre anche la ricetta, ma la mia è leggermente diversa nelle dosi mi sono fidata dei consigli della signora del negozio di casalinghi dove ho comprato la grattugia ed ho fatto bene. Li ho fatti oggi e sono venuti benissimo. Anche lo speck che ho usato  è stato comprato in loco e giuro ha un sapore completamente diverso da quello che si vende a Roma nei supermercati. Rimango sempre della mia idea non è la quantità degli ingredienti , ma è la qualità che fa la differenza! 




Ingredienti
per 4 persone
400 gr di farina
4 uova
50 ml di acqua
100 gr di speck
200 ml di panna da cucina
sale

Procedimento
In una ciotola versate la farina, mettete al centro le uova, il sale e l’acqua. Amalgamate bene fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. La consistenza della pastella deve essere tale da cadere pesantemente dal cucchiaio. (Regolatevi quando aggiungete l’acqua ce ne potrebbe volere di più della quantità indicata). Lasciate riposare per qualche minuto. Mettete a bollire dell’acqua sul fuoco e nel frattempo prendete gli ingredienti da utilizzare per il condimento: tritate lo speck e versatelo in una padella nella quale avrete fatto sciogliere il burro. Fate soffriggere, spegnete il fuoco e poi aggiungete la panna. Aggiustate di sale se occorre. Ponete l’impasto degli gnocchetti  nella loro particolare grattugia per spatzle (in mancanza potete usare  uno schiacciapatate),


posizionatela sopra una pentola di acqua in ebollizione, inserite l’impasto nel recipiente della grattugia e fatelo scorrere avanti e indietro come  se fosse un carrellino. L’impasto colerà attraverso i buchi e verrà tagliato dal carrellino: le gocce cadranno nell’acqua bollente e riemergeranno in superficie quando saranno cotte. (Se usate lo schiacciapatate posizionatelo  sopra la pentola di acqua in ebollizione quindi spremete per fare fuoriuscire gli gnocchetti). Gli spatzle che cadranno nell’acqua bollente, saranno cotti quando riaffioreranno in superficie; a quel punto prendeteli con una schiumarola, scolateli bene e trasferiteli nella padella  per farli saltare per pochi secondi nel condimento di panna e speck.  Servite subito.
Buon appetito !

23 commenti:

  1. piatto eccellente, ne vado matta! Devo correre ai ripari...uno dei pochi strumenti che mi manca!!!

    RispondiElimina
  2. che buoni!!! quell'attrezzo è nella mia "wish list" già da un po'!!! ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao ...sono anni che mi dico che prima o poi li farò anche io ... ma poi non mi attivo ... ora che ho visto la tua ricettina...devo assolutamente provare !!! :) Non credo sia poi così complicato ... ciao ciao...Carolina

    RispondiElimina
  4. Adoro gli spatzle allo speck! specialmente in questa stagione.
    Grazie per la bella ricetta ;-)

    RispondiElimina
  5. Conosco al ricetta e l'attrezzo , ho una collega di Bolzano che spesso mi ha invitato a casa sua a provarli, lei li fa anche con gli spinaci nell'impasto, comunque ottimi!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  6. Ciao li conosco brne e sono deliziosi. hai provato i canederli?

    RispondiElimina
  7. piacciono moltissimo anche a me gli spatzle, che poi ho sempre visto in versione verde, ma l'attrezzo non l'ho mai trovato.. e concordo sulla qualità degli ingredienti, anche un piatto semplice e povero può davvero trasformarsi :)

    RispondiElimina
  8. Sempre stata curiosa di assaggiare questa pasta ma non l'ho mai fatta nè comprata. Che invitante quel piattino saporito :) Un baciotto, buona settimana

    RispondiElimina
  9. Meravigliosi..sai mi hanno sempre incuriosito ma non mi sono mai messa a farli perchè ho sempre avuto l'impressione che fossero difficili...ma grazie a te oggi fotrse trovo il coraggio!!!
    Grazie mille
    Bacioni

    RispondiElimina
  10. buoni gli spatzle, mi ricordano le mie vacanze in Svizzera!!!un saluto e buonaserata

    RispondiElimina
  11. Buonissimi li spatzle!! Carino lo strumento professional!!

    RispondiElimina
  12. Un piatto perfetto!!! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  13. Qst è un piatto alla carbonara alternativissimo....lo speck mi piace tanto perchè rilascia un saporino che non ha uguali. Lo faccio sicuramente con una pasta locale.

    RispondiElimina
  14. Le persone del posto sanno sempre le dosi giuste;-) buono questo piattino giusto per i giorni freddi! Bacioni

    RispondiElimina
  15. Buoniii...la faccio...ho un trancetto di speck in frigo e cercavo proprio qualche ricettina sfiziosa come questa per utilizzarlo!!!

    RispondiElimina
  16. Ciao! anche io adoro gli spatzle e lo speck è la morte sua.. che bello l'attrezzino!!

    RispondiElimina
  17. Che brava che sei stata!!! Anche io li conosco e mi piacciono specialmente quelli veri agli spinaci ma non mi sono mai prodigata nel farli...Ottima ricetta!! Un bacione!

    RispondiElimina
  18. E' un'attrezzino che mi manca! Questa tua ricetta mi stuzzica proprio. Forse è l'occasione giusta!!! Buona settimana

    RispondiElimina
  19. che brava sei stata!!! specialità trentina fatta in casa a roma!!! mi piace, mi piace, e mi piace l'ardire di provare sempre cose nuove. complimenti!!

    RispondiElimina
  20. Deve essere ottimo questo piatto..poi con lo speck.. smack!!! :-)

    RispondiElimina
  21. ciao, felice di conoscerti. Sai che proprio oggi, spulciando uno dei miei libri di cucina, ho rivisto gli spatzle (ma come cavolo si scrive???) e per l'ennesima volta mi sono ripromessa di farli? Non ho l'aggeggino ma vedo che tu dici che si può sostituire con lo schiacciapatate. Proverò! per il momento grazie di esse per la ricetta. Ti seguo anch'io, a presto

    RispondiElimina
  22. mi piacciono un sacco!! non ho lo strumento ma magari posso farli tipo gnocchetto...si cuoceranno??

    RispondiElimina