4 giugno 2013

Torta cioccolato e cocco con copertura di nutella.


I figli sono come gli aquiloni,
passi la vita a cercare di farli alzare da terra.
Corri e corri con loro
fino a restare tutti e due senza fiato…
Come gli aquiloni, essi finiscono a terra…
e tu rappezzi e conforti, aggiusti e insegni.
Li vedi sollevarsi nel vento e li rassicuri
che presto impareranno a volare.
Infine sono in aria:
gli ci vuole più spago e tu seguiti a darne.
E a ogni metro di corda
che sfugge dalla tua mano
il cuore ti si riempie di gioia
e di tristezza insieme.

Giorno dopo giorno
l’aquilone si allontana sempre più
e tu senti che non passerà molto tempo
prima che quella bella creatura
spezzi il filo che vi unisce e si innalzi,
come è giusto che sia,
libera e sola.
Allora soltanto saprai
di avere assolto il tuo compito.

                                             (Erna Bombeck)



E a questa splendida poesia io aggiungerei un ultima frase...ma che fatica lasciarla andare e che dolore non essere più il suo faro e non poterla più consolare semplicemente con un bacio. A volte mi sento così....guardo la mia ragazza crescere e non mi sento pronta. Mi sembra ieri di aver sentito per la prima volta il battito del suo cuore e il ginecologo che mi raccomandava di stare a letto perchè sarebbe stata una gravidanza difficile. Nove mesi a letto, ma quanta felicità quando finalmente l' ho abbracciata!.Mi sembra ieri che le davo la manina per attaversare la strada, le spingevo l'altalena, passavo ore seduta in terra nella sua camera a giocare con le Barbie o con la Lego. Mi sembra ieri il suo primo attacco di asma allergico, la paura ... dieci giorni seduta accanto al suo lettino giorno e notte ascoltando il suo respiro, per controllare se tutto funzionava o se bisognava correre in ospedale. Mi sembra ieri raccontare le favole per farla dormire e vedere e rivedere sempre gli stessi cartoni animati fino alla nausea. Mi sembra ieri  il suo primo giorno di scuola ed invece ora....tra due anni farà la maturità! Ed io non sono pronta. A volte vorrei che il tempo rallentasse la sua corsa per averla ancora un pò figlia da coccolare, a volte invece non vedo l'ora di vederla felice, sposata con figli suoi e spero di poterle ancora essere di aiuto. Siamo donne, alcune mamme, ma tutte diverse nei nostri ruoli. Io ero diversa prima che nascesse Sara, pensavo solo al lavoro alla carriera, ma poi è arrivata lei dopo 10 anni di medici, ospedali, cliniche, esami e test vari...e quando è arrivata la mia vita è cambiata. Le mie priorità sono cambiate e ho scelto di vivere un ruolo diverso, ho deciso che volevo solo fare la mamma. Mi sono presa quattro anni di aspettativa e sono stata con  lei sempre, godendomi ogni momento dei suoi primi approcci alla vita, poi lei andò all'asilo e io tornai a lavorare, ma scelsi il part time fino alle sue elementari e poi la mia nanerottola è cresciuta e io ho ricominciato a lavorare a tempo pieno, ma ho un bel lavoro che mi permette comunque di stare a casa alle cinque. Forse vi sto annoiando, ma avevo bisogno di scrivere e di condividere queste emozioni contrastanti che non riesco bene a catalogare ed incasellare, capire se altre mamme si sentono come me....con quel filo di aquilone in mano e la paura di perderlo....ma contemporaneamente con la consapevolezza o meglio con la speranza, che il rapporto costruito in tanti anni di amore non si perderà. Questa è la torta che ho preparato ieri per tentare di allietare un pomeriggio di studio, cioccolatosa al punto giusto, una carica perfetta per chi si sente un pò giù o a bisogno di energie extra!



 Ingredienti
150gr di zucchero
100gr di farina
60 gr di farina di cocco
40 gr di fecola
150 gr di cioccolato fondente
1 yogurt al cocco
1 bustina di levito per dolci
1 tazzina da caffè di olio di oliva ( 50 ml)
2 uova

Procedimento
Disponete tutti gli ingredienti sul tavolo da lavoro e accendete il forno a 180°. Mettete a sciogliere il cioccolato a bagnomaria e lasciatelo intiepidire. Mettete nella ciotola del robot da cucina, con la frusta per montare, le uova e lo zucchero  e frullate a velocità massima. Poi aggiungete l'olio e  lo yogurt e accendete a velocità minima. Sempre mescolando aggiungete piano il mix di farine e fecola e il lievito,  mescolate ancora  a velocità media, poi aggiungete il cioccolato fuso ormai intiepidito e riaccendete il robot per 5 minuti. Nel frattempo imburrate bene uno stampo o foderatelo di carta forno. Mettete l'impasto nello stampo ed infornate, a forno ormai caldo, per 40 minuti circa.(vale sempre la prova stechino) Sfornate e lasciate raffreddare. Quando la torta sarà ben fredda, spalmatela leggermente di nutella e spolveratela di cocco disidratato.Si conserva ottima due o tre giorni sotto una campana di vetro.
Buon appetito!





Buon ultima settimana di scuola amore mio
 ....stringi i denti che è quasi finita!



 



46 commenti:

  1. appena tornata da una crociera dove ho messo su 7 kg in sette giorni... vorrei comunque assaggiare questa meraviglia un abbraccio simmy

    RispondiElimina
  2. Stupenda la poesia, toccanti le tue parole e golosissima la tua torta,che aiuta tanto a tenerli su questi nostri ragazzi

    RispondiElimina
  3. E’ bellissima la poesia con cui hai aperto questo post e sei ammirevole come mamma per le scelte che hai fatto e che sono sicura avranno portato e porteranno i loro frutti nel tempo. Sai, quel filo penso che non si spezzerà mai, l’aquilone resterà sempre in un certo modo “legato” perché i figli crescono è vero ma i genitori continueranno per sempre ad essere un punto di riferimento.
    Questa torta sembra di un soffice e morbidoso unico. E con cocco e cioccolato anche di un goloso pazzesco. Bacioni, buona settimana

    RispondiElimina
  4. CHE GOLOSITA' , ADORO IL COCCO.

    RispondiElimina
  5. Alice non puoi farci questo..sta per arrivare la rpva costume!!!!bravissima!

    RispondiElimina
  6. adoro questo genere di torte e quest la faccio pure io, è di una golosità unica...brava Alice!

    RispondiElimina
  7. Che post stupendo!!! la torta è meravigliosa! buona settimana!

    RispondiElimina
  8. Alicetta, mi fai venire i brividi a volte quando ti leggo. Non ho avuto la fortuna di essere mamma, ma nonostante tutto penso di capirti fino in fondo... non si è mai pronti per lasciarli andare e vorremmo fermare il tempo... E' vero, tesoro. Ma il tempo inesorabile va e lo spiccano il volto, come è giusto che sia... come lo volevamo spiccare noi!! E che torta meravigliosa e "coccolosa" hai preparato. E' vero... entrambe ci siamo lasciate prender la mano da cocco e cioccolata! Bacione e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  9. Tesoro quante emozioni in questo post, mi hai commossa...i miei cuccioli hanno 5 e 7 anni quindi sono ancora piccoli ma gia adesso faccio i tuoi stessi pensieri...quando mi dicono "mamma noi staremo sempre con te" so che non sarà cosi e con gli anni anzi faranno la loro vita e saranno lontani da me per ora me li godo e mi beo delle loro parole e mi dico"ma questi li ho fatti io"??Si a volte mi sembra assurdo aver generato delle vite cosi meravigliose e sono certa che tua figlia è fierissima di avere una mamma speciale come te tesoro!!!
    Prendo una fetta di questa meraviglia e ti mando un bacio enorme,
    Imma

    RispondiElimina
  10. Io per ora ho vissuto solo la parte della figlia che ha lasciato il nido, ma mi rendo conto di quanto sia stato difficile per mia madre (visto che ho anche cambiato regione di residenza...)
    Questa torta è un tripudio di golosità, sembra fatta apposta per me!
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. beh, innanzitutto mi piacciono molto le parole.. il post
    davvero profonde e belle!
    e la torta.. beh, golosa a dir poco!
    baci

    RispondiElimina
  12. Eh vabbé a me scende la lacrimuccia pensando ai sacrifici delle mamme...

    RispondiElimina
  13. No, non mi hai annoiata affatto, ho letto tutto d'un fiato cercando di "sentire" un po' quelle emozioni che non mi è stato permesso di provare in questa vita. Dopo lunghe trafile, medici, ospedali, cliniche, test, esami, l'ultima rispostra è stata "mi dispiace, la vita con lei è in debito", magra consolazione direi..
    La torta è meravigliosa, almeno questa me la voglio godere fino all'ultima briciola. Buon lunedì cara Ali, baci.

    RispondiElimina
  14. divinamente squisita!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. Alice tu mi piaci sei sempre così tenera e anche profonda... Credo di capire quanto sia difficile lasciare l'aquilone io ci sono stata solo tre giorni con lui ma lasciarlo e' stata durissima e penso che vederli crescere e poi dover lasciarli andare per la loro strada sia difficile ma l amore e' anche questo... Se lo ami lascialo libero dicono e tu ami davvero tua figlia!
    Io che amo la cioccolata adoro la tua torta !!!!
    Ti abbraccio forte forte e grazie :*

    RispondiElimina
  16. Davvero bellissime parole e una buonissima torta...
    COSA VOLERE DI PIU' DALLA VITA?????!!!!!! AHAHAH :D

    RispondiElimina
  17. Eh si, cocco e cioccolato è davvero un bellissimo duo da provare!
    questa torta ci piace moltissimo: la freschezza del cocco attenua il gusto pesante del cioccolato. un ottimo equilibrio insomma.
    un bacione

    RispondiElimina
  18. Ciao Alice, bella poesia e dolcissima introduzione, sono sicura che tua figlia è orgogliosa di avere una mamma speciale come te!!!
    Anche la torta è speciale, la copertura con la nutella...una goduria!!! Bravissima!!!
    Bacioni, a presto...

    RispondiElimina
  19. Direi che è assolutamente irresistibile!!!! Bellissimo post!

    RispondiElimina
  20. Che belle parole... io anche se ormai sono grandicella mi sento ancora figlia... forse più di quando lo sentissi quando ero adolescente..
    Che dire del dolce... nutella... parola magica..

    RispondiElimina
  21. come ti capisco, sembrano le mie riflessioni...adesso che mia figlia è adolescente quasi quasi a volte fatico a riconoscerla e non mi sembra vero che sia passato così in fretta il tempo!
    fare la mamma non è facile...ce la mettiamo tutta!
    Un abbraccio e complimenti per la torta strepitosamente cioccolatosa....

    RispondiElimina
  22. Alice...quanto tempo era che non leggevo la poesia con cui hai iniziato il post...i miei nanetti sono piccoli (2,4 e 5 anni) per ora sono ancora nella fase del voglio stare per sempre con te....ma sai tutto quello che hai scritto l'ho pensato mille e più volte...è difficile quando quel filo andrà davvero lasciato...mi sembra impossibile...ma è la vita!!! Ti capisco e ti abbraccio forte forte...

    monica

    RispondiElimina
  23. Eeee ma così mi commuovi!! Vedrai che avrà sempre bisogno di te la tua bambina, sempre! Io ho ancora bisogno della mia mamma :D
    Sei dolcissima e sicuramente una madre fantastica, così come questo dolce perfetto!

    RispondiElimina
  24. cara non sai quanto comprendo il tuo stato d'animo! Io quel filo non vorrei spezzarlo mai, ma lei tira eccome tira! Ma è giusto così: allora mi auguro che sia felice, che riesca a trovare la direzione giusta e che non si perda mai! Un bacione Esme prendo una fetta di questa buonissima torta per consolarmi!

    RispondiElimina
  25. e con questa mi compro i miei figli dopo che l'hhanno mangiata gli posso chiedere di tutto ahhaha buonissimaaaa

    RispondiElimina
  26. Complimenti deve essere buonissima! Volevo solo chiederti di che misura deve essere lo stampo, così per regolarmi per la grandezza. Bellissima anche la poesia!Grazie.

    RispondiElimina
  27. Irresistibile tentazione!!! :)
    Un bacione cara Alice!

    RispondiElimina
  28. Che post emozionante hai scritto Alice.. l'ho letto con attenzione.. ci hai reso partecipi del tuo essere mamma!! Io non lo sono.. ma son figlia.. ed oggi ringrazio mia mamma per tutto ciò che mi ha insegnato.. sono orgogliosa di lei.. e tua figlia sarà orgigliosa di te!!!! Un abbraccio.. e rubo anche un afetta di dolce.. visto che amo il cocco..

    RispondiElimina
  29. Annoiando??? Io ho i lacrimoni e già mi vedo come te...il tempo passa così in fretta...e le nostre storie si assomigliano tanto...però sento che la tua principessa è una ragazza tranquilla che non ti sta dando troppi problemi e già questo,s e ripenso alla mia di adolescenza, mi conforta. Ma non c'è il mio commento nella ricetta precedent dove ti dicevo che Anaisstava un pò eglio? certo, imbottita di broncodilatatore e cortisone...ehme ehm..è bastato un colpo d'aria con il cambio di temperatura. Due notti come solo sai tu, nel lettone (perchè non me la sentivo di lasciarla sola nella sua stanza) a controllare il suo respiro...e il mattino dopo dal santo pediatra alle 7.30!!!! però sabato ha una nuova gara, domenica la recita scolastica e oggi ha ripreso l'asilo. Veniamo alla torta, mi piace un sacco il connbio cocco e cioccolato e, a parte la nutella, posso mangiarla pure io con le mie allergie. Grazie amica mia, e se ti va mandami il tuo indirizzo mail a francescanais@gmail.com...così magari chiacchieriamo un pò senza che ti invada la bacheca! Bacioni grandi!

    RispondiElimina
  30. che brava una torta incredibilmente golosa

    RispondiElimina
  31. Molto bella la poesia.
    Molto dolci le tue parole e la tua coccola dolce per tua figlia.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  32. Torta super golosa.... Perfetta per i momenti di nostalgia... Ti tira sicuramente su il morale!

    RispondiElimina
  33. ciao Alice , che bel post e che torta golosissima ,da fare il bis....un abbraccio.

    RispondiElimina
  34. Bellissima la poesia e bellissime le tue parole. Non sono mamma quindi non posso sapere come ci si sente "dalla parte della mamma" ma sicuramente dalla mia parte di figlia posso dirti che la mamma è sempre la mamma anche quando oramai sei grande e grossa :-)
    Il filo dell'acquoline non si spezza mai, anzi crescendo diventa quasi più forte.

    RispondiElimina
  35. i figli sono così, e sicuramente una fortuna smisurata aver potuto cucire il tuo lavoro addosso alla tua voglia di essere mamma al 100%. La maggior parte deve fare l'esatto contrario. Rinunciare a tanto del tempo con i propri figli per lavorare. LA poesia è meravigliosa e io credo che sarò felice se loro andranno via felici. Mi rendo conto che ora che sono adolescenti l'unica cosa che desidero è che siano felici. Dovunque. La paura maggiore è quella che non possano realizzare i propri sogni e le aspettative di una vita fatta di scelte e non di occasioni di ripiego. Però il tuo spunto di riflessione apre tante considerazioni, meravigliose. Grazie per averlo fatto. E intanto passo al dolce che parla di figli, cocco e nutella è il loro linguaggio universale. Bellissima foto della fetta, un bacio *** mony

    RispondiElimina
  36. Ciao Alice, molto bello il tuo post, davvero toccante. E la torta è una delizia. Baci!

    RispondiElimina
  37. sai che mi è scesa la lacrimuccia??? ufff per fortuna c'è la tua torta a consolarmi!

    RispondiElimina
  38. sai che mi è scesa la lacrimuccia??? ufff per fortuna c'è la tua torta a consolarmi!

    RispondiElimina
  39. Mamma mia che belli questi versi ! Mi hai fatto verire la lacrimuccia !Per fortuna c'è la tua torta che mi consola un po' !Sigh !! :)
    A presto!!!

    RispondiElimina
  40. splendida la poesia cara, ma la torta è assolutamente golosissima!!!!!!

    RispondiElimina
  41. Non so se è una meraviglia la torta oppure l'affetto che traspare dalle tue parole....sono meravigliosi ambedue!!!

    RispondiElimina
  42. ciao cara son tornata qui da te perché per giorni ho cercato questa citazione dei figli comme acquiloni e alla fine mi è venuto in mente che l'ho letta da te, è bellissima, mi fa quasi piangere!
    E tu sei sempre di una sensibilità unica!

    RispondiElimina