15 gennaio 2016

Risotto zucca e casciotta

No, nessun errore ortografico. Non  sto parlando di una delle tante ottime caciotte che si producono nelle varie regioni italiane, ma della Casciotta, un prodotto  esclusivamente del territorio della provincia di Pesaro-Urbino. Ovviamente siete padroni di non crederci, ma questo non è un post sponsorizzato, nessuno mi ha pagato o mi ha regalato qualcosa per farmi scrivere queste righe. Solo la mia voglia di condividere con voi una nuova piacevole scoperta e di farvi conoscere un formaggio che ho assaggaito per la prima volta   durante un week end rilassante nella deliziosa Urbino. Uno dei centri più importanti del Rinascimento italiano, di cui conserva appieno l'eredità architettonica tanto che dal 1998 proprio  il suo centro storico è stato dichiarato dall'UNESCO patrimonio dell'umanità. Se ancora non conosceto questo gioiello d'Italia, programmate una visita, Urbino vi sorprenderà e vi ammalierà passeggiando  tra le sue ripide strade, incontrerete i segni di una lunga storia artistica e culturale: dalla mole neopalladiana della Cattedrale,  al magnifico portale in travertino della chiesa di S.Domenico, dalla medievale chiesa di S.Francesco con il bel campanile gotico cuspidato e la grande pala d'altare di Federico Barocci, all'oratorio di S.Giuseppe con il famoso Presepe del Brandani, dal Palazzo Albani  alla casa natale di Raffaello... e tante tante altre cose. E poi a Urbino si mangia benissimo! E visto che ovunque vada mi porto sempre a casa qualche cibo tipico del posto, ecco qui il mio incontro con la Casciotta. La D.O.P. sancisce che la “Casciotta d’Urbino” è un prodotto le cui caratteristiche organolettiche e merceologiche derivano prevalentemente dalle condizioni ambientali e dalle consuetudini di fabbricazione esistenti nella zona di produzione,  è un formaggio grasso a pasta semicotta, ottenuto con latte di pecora intero in misura variabile da un minimo del 70 ad un massimo dell’80%, e di latte di vacca intero per il restante 20-30% proveniente da due mungiture giornaliere. Il formaggio viene sottoposto ad una pressatura manuale con tecnica caratteristica, in stampi idonei. La salatura viene effettuata a secco, ovvero alternando la salamoia alla salatura a secco. Il periodo di maturazione previsto è di 20-30 giorni in ambienti a temperatura di 10-14°C e con umidità di 80-90%. La maturazione del formaggio è piuttosto rapida e, pertanto non viene sottoposto ad ulteriore stagionatura. Per quanto riguarda il sapore è dolce, ma pieno, piacevolmente acidulino e con un inconfondibile tipica fragranza aromatica, in quanto la sua giovane vita evidenzia particolarmente la componente aromatica del latte.





Ingredienti
per  4 persone
300gr di riso carnaroli
400 gr di zucca pulita
150 gr di casciotta di Urbino DOP
2 Lt  circa di brodo vegetale
Vino bianco
Olio evo
Scalogno
Sale



Procedimento
Mettete in una pentola la zucca pulita lavata e ridotta a dadini insieme con 400ml di brodo vegetale e lasciate cuocere  coperto  fino a quando sarà  quasi sfatta, poi frullate con il mixer ad immersione e tenete da parte.  Tritate lo scalogno e mettetelo a rosolare in una casseruola con un filo di olio evo. Aggiungete il riso,  fatelo  tostare e  sfumate con del vino bianco.  Aggiungete due mestoli di crema di zucca e continuate la cottura alternando un mestolo di crema di zucca e uno di brodo vegetale. A cottura ultimata spegnete il fuoco,  mantecate  con della Casciotta grattugiata. Lasciate sostare il risotto qualche minuto prima di impiattare. Servite il risotto con un ulteriore abbondante grattugiata di Casciotta.
Buon appetito!





Buona vita
e alla prossima ricetta!





32 commenti:

  1. Non conoscevo la casciotta! Devo essere buonissimo!

    RispondiElimina
  2. ma davvero gustoso questo risotto! ottime foto complimenti! buona serata, ciao Andrea

    RispondiElimina
  3. ero ad Urbino lo scorso autunno e me ne sono innamorata, devo ancora pubblicare le foto.... ho comperato la casciotta e anche la crescia sfogliata, le ho adorate dal primo morso ! La zucca proprio non mi è simpatica ma il risotto solo con la casciotta si ! Un bacione

    RispondiElimina
  4. Caspita che gustoso questo risotto!!!!!
    Grazie per le notizie su questo formaggio.
    Un bacio :)

    RispondiElimina
  5. La foto mi fa venire un'acquolina nonostante stia bevendo il caffè! Che delizia! non conoscevo la casciotta, e mi ispira molto e non ci troverei nulla di male nemmeno se fosse un post sponsorizzato perchè secondo me, se qualcuno testa prodotti e sono validi, è giusto condividerne la bontà! Voglio assaggiare assolutamente questa chicca ;) Buona giornata Francesca Aria

    RispondiElimina
  6. Hai usato la casciotta di Urbino,buona vero?I marchigiani ed io con loro ringraziamo,ottima scelta,buona giornata

    RispondiElimina
  7. Appena alzata e già scopro una cosa nuova...questo formaggio mai sentito e di sicuro straordinario!!!
    grazie per questa bella ricetta e alle informazioni che ci hai dato :-)
    buona giornata ^__^

    RispondiElimina
  8. Che bontà, cara Alice! Sono stata tanti anni fa ad Urbino per la laurea di mia cugina ed oltre ad aver conosciuto una bellissima città ho anche mangiato meravigliosamente bene!! E adesso tu con questa deliziosa ricetta mi fai tornare in mente piacevolissimi ricordi :)
    Un grosso bacio ed un buon week end!

    RispondiElimina
  9. Amo i formaggi, sono il tallone d'Achille. Spesso devo farmi violenza per smettere di mangiarli, quindi apprezzo questa nuova scoperta.
    Andrò in cerca :-)

    RispondiElimina
  10. Buono e delicato questo risotto!

    RispondiElimina
  11. bellissima foro, e risotto tra i miei preferiti.
    baciotto

    RispondiElimina
  12. le Marche sono favolose e questa casciotta è molto invitante nel risotto!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. wow, se ne impara sempre una nuova :-) Non sai che darei x fare l'assaggio :-P
    Complimenti Alice e felice we <3

    RispondiElimina
  14. L'aspetto di questo risotto tesoro è davvero davvero invitante e sonom certa che la casiotta gli regala un gusto e un sapore ancora più saporito!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  15. si impara sempre qualcosa di nuovo! io la casciotta non la trovo in alto Piemonte ma troverò un degno sostituto locale :)
    un abbraccio e buon week end

    RispondiElimina
  16. Gusterei un fumante piatto di risotto alla zucca anche a colazione, cara Alice. Poi, tu mi fai scoprire questo formaggio delizioso. Ci vediamo a pranzo :)
    Un grande abbraccio,
    MG

    RispondiElimina
  17. Ciao Alice, sai che non conoscevo questa 'casciotta'? Il tuo risotto ha un aspetto squisito. Buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  18. Immagino che tutti (me compresa) avranno pensato all'errore di battitura leggendo il titolo. Ma mistero risolto proprio nelle prime righe del tuo post... :-)
    Non ne avevo proprio mai sentito parlare.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  19. Ma che bontà di risotto.. così saporito.. così cremoso! Ammetto che letto il titolo pensavo ad un errore di battitura e invece! scopro un formaggio di cui ignoravo l'esistenza.. baci e buon w.e. :-D

    RispondiElimina
  20. Urbino la conosco ed è un gioiello. Ho dei ricordi culinari meravigliosi di questa città. Il tuo risotto è una delizia.

    RispondiElimina
  21. Un grande piatto, mi piace la zucca e tutto ciò che si prepara con essa. Felice giornata !

    RispondiElimina
  22. Purtroppo non sono mai stata ad Urbino e ti ringrazio per questo scorcio che mi hai regalato, inutile dire che non conosco neanche la casciotta e inutile dire che il tuo risotto è strepitoso :) Bravissima Alice.
    Buon week end.
    Marina

    RispondiElimina
  23. Non conoscevo questo formaggio, avrà sicuramente reso questo risotto saporito e gustoso, brava Alice, la cremosità è perfetta!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  24. Mi piace molto il risotto con la zucca e con la casciotta sarà ancora più gustoso!
    Un forte abbraccio e buon weekend<3<3<3

    RispondiElimina
  25. Buono e delicato questo risotto! Buona la casciotta d'Urbino.ciao ,buon we!

    RispondiElimina
  26. Urbino è stupenda. Fortunatamente non è tanto lontana da casa mia quindi la conosco abbastanza bene, è un vero gioiellino. Invece non avevo mai sentito parlare di questa Casciotta, c'è sempre da imparare qualcosa di nuovo

    RispondiElimina
  27. Urbino l'ho visitata e mi è piaciuta molto, non conosco però questa specialità di formaggio che sicuramente avrà reso, il già buon risotto con la zucca, speciale!!!
    Baci

    RispondiElimina
  28. Mamma mi ha una faccia quel risotto!! Non conoscevo questa casciotta ma ne immagino tutto il sapore e il profumo. Buona domenica Alice

    RispondiElimina
  29. DEVO assolutamente colmare la mia lacuna...non conosco Urbino e le sue tradizioni. E' una delle mie prossime mete!!! bravissima!!

    RispondiElimina
  30. Mamma che bontà, Alice! Sai che non conosco questo tipo di caciotta? Devo assolutamente rimediare!!! Complimenti e un bacione, buon inizio settimana :) :**

    RispondiElimina