6 settembre 2017

Il mio viaggio in Russia ...prima parte


Умом Россию не понять,
Аршином общим не измерить
 У ней особенная стать.
В Россию можно только верить.

(FEDOR TJUTCEV 1803-1873)

La Russia con l'intelletto non si comprende,
con il metro comune non si misura,
particolare è la sua statura,
nella Russia non si può che credere.


Un viaggio sognato, desiderato, accarezzato e ... finalmente realizzato! Tolstoj, Čechov, Dostoevskij, Caterina II, i Romanov,  Stravinskij, Chaikovsky, i mitici balletti russi e poi i palazzi, le chiese,  le architetture bizantine, l’Ermitage … insomma un libro di storia e di cultura che volevo assolutamente sfogliare, ma soprattutto respirare. Perché questa è la differenza per me tra viaggio e vacanza, vacanza è una spiaggia, il mare, buon cibo e tanto relax, ma il viaggio è assaporare culture diverse, conoscere città e paesi, assaggiare cibi sconosciuti, camminare là dove la storia si è svolta e tornare carica di conoscenza, non per sentito dire o per aver letto o visto, ma per aver toccato!
Ed ora iniziamo a parlare di questo mio assaggio di Russia, una terra dove tutto è immenso, dove il peso della storia è ad ogni angolo, dove una piazza ha 1 km di diametro e una strada cittadina ha 6 corsie. Città pulitissime, inaspettatamente molto verdi, dove efficienza e sostanza sono al primo posto. Un paese forse con regole un pò troppo rigide per il nostro metro di giudizio e con un clima eccessivamente freddo per le nostre abitudini, ma in cui tornerei volentieri, e che consiglio a chiunque di andare a visitare. 
Prima tappa Mosca. E se la Federazione Russa viene definita immensa, la sua capitale è enorme! Una metropoli monumentale e avveniristica insieme, immersa nel traffico e vibrante di luci, racconta settant'anni di soviet e molti secoli di storia.  Una città che guarda  alla globalizzazione, ma senza dimenticare le sue tradizioni,  insomma una città particolare, ma indiscutibilmente unica. 


Cattedrale di San Basilio
San Basilio - interni


Uno dei simboli di Mosca è la  magnifica cattedrale di S. Basilio, una delle chiese più celebri e fotografate del mondo, con la sua copertura coloratissima e i suoi interni sfarzosi. Situata sulla Piazza Rossa, nel cuore della città,  ha ripetutamente subito minacce, prima dalle truppe francesi, quando stavano lasciando Mosca nel 1812, volevano farla esplodere. Poi, alla fine degli ‘20 le autorità sovietiche la volevano smantellare, in quanto edificio religioso situato al centro della città, dava fastidio all'allora governo sovietico. Ma la Cattedrale di San Basilio è sopravvissuta e dal 1990 è stata inclusa nella lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Il monumento bronzeo che vedete in foto è anch'esso un simbolo importante per il popolo russo in quanto raffigura due eroi nazionali, il principe Dmitrij Požarskij e il soldato Kuz'ma Minin, che ebbero un ruolo decisivo nella vittoria dell'esercito russo contro gli invasori polacchi.


Cremlino 


Non si può raccontare Mosca senza parlare del Cremlino. Cittadella degli Zar, quartier generale dell’Unione Sovietica ed ora luogo di lavoro di Putin, attuale presidente russo.  La parola Cremlino significa fortezza o città fortificata. In Russia si possono trovare più di 20 Cremlini, soprattutto in antiche città medioevali, che con il passare del tempo sono cresciute, spingendo la propria popolazione a vivere al di fuori delle mura. Il più famoso dei Cremlini è indiscutibilmente quello di Mosca, in quanto simbolo del  governo russo.  

GUM - esterno
Il lato della Piazza Rossa opposto al Cremlino è occupato dal GUM. Un edificio bellissimo e frequentatissimo, una via di mezzo tra un grande magazzino molto chic e un centro commerciale. Praticamente l’equivalente moscovita di Harrods a Londra o delle Galeries Lafayette a Parigi. 

GUM - interni



Il GUM è un capolavoro dell’architettura della fine del diciannovesimo secolo. Famoso nel periodo sovietico per gli scaffali spesso vuoti, le commesse scorbutiche, e le lunghe, interminabili file. Dopo essere stato privatizzato, è invece diventato il simbolo del nuovo capitalismo russo, con le sue boutique di grandi firme europee.

Stazione della metropolitana - Mosca



Nessuno può lasciare Mosca senza aver visitato le sue famosissime stazioni metro, 14 linee e 203 stazioni: un reticolato da record che trasporta oltre 9 milioni di persone ogni giorno. Il servizio è efficientissimo e molto ben organizzato, ma per chi non legge l’alfabeto cirillico è impossibile orientarsi! Ben 45 stazioni sono tutelate come patrimonio artistico nazionale. Alcune elegantemente severe, altre in stile neoclassico, altre ancora in stile art déco. Potrete ammirare immensi lampadari, cornici scolpite, stemmi, mosaici, colonne corinzie, statue, fossili imprigionati nei marmi provenienti da tutta l’ex URSS, bassorilievi, vetrate colorate, insomma un piccolo museo da non perdere.

Via Arbat

Sinceramente, prima di partire mi immaginavo di trovare una città diversa, grigia, austera e massicciamente cementificata ed invece l'ho trovata  ariosa, colorata, pulitissima e piena di verde anche se purtroppo, anche piena di smog!

Galleria Tret'jakov
Moskva City


Salutiamo Mosca con lo skyline della sua parte più avveniristica, e sinceramente anche quella che non mi ha per nulla entusiasmato, il Centro di affari internazionali meglio conosciuto come Moskva-City.

Chiesa dell'Ascensione


Ed ora parliamo di Kolomenskoe, un antico villaggio, vicino Mosca, un tempo  rifugio di campagna della famiglia reale russa, ora splendido complesso monumentale che include chiese, torri, giardini e santuari il tutto circondato da rigogliosi boschi. Un posto unico per scoprire e apprezzare stralci di storia e arte russa, in un bellissimo contesto naturale. Un caratteristico e silenzioso angolo di mondo dove il tempo sembra essersi fermato al XVII secolo.

Dacia di Pietro il Grande






San Giorgio

Chiesa della nostra Signora di Kazan

Per ora mi fermo, non vi voglio annoiare oltre e poi è ora di trasferirci più al nord verso il golfo di Finlandia ....



Dasvidania 
... e alla prossima puntata!


30 commenti:

  1. Bentrovata Alice! oggi mi incantante con i post sui vostri viaggi ma tu ti distingui non hai scelto il mare ma una destinazione con una storia particolare, grazie per la condivisione mi hai fatto viaggiare un po'con te. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. che bellas fotos cara and what interesting place to know!!
    Thanks by sharing!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. bentornata cara Alice, le tue foto meravigliose mi hanno fatto conoscere un luogo che , per anni, ho creduto triste e grigio, mi hai messo voglia di partire !Le guglie di San Basilio assomigliano a coni gelato multicolori, hai avuto fortuna con il meteo, il cielo sembra di porcellana ! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto viaggiare con la mente....aspetto la seconda parte.

    RispondiElimina
  5. Wow che bel viaggio , che posti incantevoli anch'io li immaginavo grigi pieni si cemento e poco verde ma da queste foto vedo tanto colore aspetto la seconda parte cin altre foto magnifiche

    RispondiElimina
  6. Ti seguo con estremo interesse in questo viaggio, la Russia è una meta che ha sempre affascinato anche me!!
    Buona giornata e bentornata!!

    RispondiElimina
  7. Io sono sicuramente più da viaggio che da vacanza, a meno che non si tratti di vacanza con le nipotine. Adoro scoprire luoghi, culture e sapori nuovi. Le tue foto mi hanno lasciato senza parole. Non sono mai stata in Russia e sapevo per racconti di amici che San Pietroburgo è bellissima ma non mi aspettavo che anche Mosca fosse così bella e colorata. Me la immaginavo più cupa e grigia. Invece sembra davvero stupenda

    RispondiElimina
  8. Che viaggio straordinario Alice, anche io immaginavo la Russia grigia, triste e incolore invece è ... strepitosamente bella.
    Bentornata!
    Marina

    RispondiElimina
  9. Cara Alice, che foto meravigliosa ci fai vedere, penso che sia l'inizio di tante altre.
    Ciao e buona giornata caro amico con un forte abbraccio e cerchiamo di sorridere:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo, le altre è una vera carrellata di foto una più bella dell'altra!!!
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  10. Grazie che bel reportage ho sempre sognato andarci

    RispondiElimina
  11. Grazie Alice, un racconto meraviglioso. E' tra le mete più desiderate e questo desiderio adesso è forte più che mai!

    RispondiElimina
  12. Bellissimo viaggio e bellissime foto.

    RispondiElimina
  13. Wow,un grande viaggio,annusare,respirare,assaggiare una cultura diversa dalla nostra è troppo bello,usi e costumi padticolar,complimenti e grazie per il bel reportage,ci hai portato con te,alla prossima

    RispondiElimina
  14. Bentornata Alice, che magnifico post, che magnifiche foto!!! Mi hai fatto vedere questi luoghi sotto un aspetto del tutto diverso, un giorno...chissà...intanto mi gusto il tuo post!

    RispondiElimina
  15. Una meta che non ho mai preso in considerazione e, dopo il tuo reportage, mi chiedo il perchè..

    RispondiElimina
  16. Ti ho seguita passo passo su Instagram... non mi perdevo una tua foto ;)
    Che meraviglia, come mi piacerebbe andarci...
    Grazie per il magnifico report!
    Un bacione e bentornata

    RispondiElimina
  17. ottimo reportage!! accurato e puntuale!! da tempo desidero andare....e prima o poi andrò!! baci!!

    RispondiElimina
  18. Ti ho già seguita durante ma bel racconto sul tuo viaggio molto interessante grazie di averlo condiviso. Buona fine settimana un abbraccio.
    (PS. io riaprirò verso metà settembre sono ancora incasinata..ciaoo)

    RispondiElimina
  19. che meraviglia leggerti, Alice, mi hai fatta sognare! C'è qualosa di russo in me, che non so spiegare, ma anche io ne sono terribilmente affascinata! Buon compleanno dolce amica mia, bello sapere che sei felice, rilassata e arricchita da questa esperienza magica!

    RispondiElimina
  20. Mamma mia che viaggio!!! Anche io prima o poi ci andrò. E' stato difficile organizzarlo? hai fatto da sola o ti sei appoggiata ad agenzie? Non vedo l'ora di leggere il prosieguo!

    RispondiElimina
  21. Scusa se ti rispondo solo ora. Il mio stampo da amor polenta è da 29x10 nella parte più larga

    RispondiElimina
  22. Russia! Mi piacerebbe tanto andarci... attendo ansiosa le altre foto e gli altri dettagli, mi organizzo! ;)

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
  23. che meraviglia!! bellissimi ricordi di una vacanza di tanti anni fa. complimenti per le foto, bellissime

    RispondiElimina
  24. Bentrovata Alice! Grazie per il bel reportage, non vedo l'ora di leggere il seguito! Buona settimana, un bacione :)

    RispondiElimina
  25. Una città che è da vedere assolutamente! Guardando le immagini, mi rendo conto che probabilmente, tolti i simboli più conosciuti, è una città tutta da scoprire e molto affascinante!

    Fabio

    RispondiElimina
  26. Che splendido reportage, le tue bellissime foto mi fanno sognare....spero tanto un giorno di poterci andare!!!
    Baci

    RispondiElimina
  27. un sogno.....un reportage accurato e appassionante. Mi fai sognare con queste stupende foto...chissà....prima o poi...andrò anch'io. Un abbraccio

    RispondiElimina
  28. Ringrazio Carmine del blog Turismo lento che condividendo su fb il link a questo tuo racconto mi ha permesso di approdare qui e leggerlo. Mosca e la Russia in generale rappresentano uno di quei viaggi che mi piacerebbe tanto fare. Da ciò che leggo e che vedo dalle tue foto, non a torto, perché deve essere veramente una città incredibile, assolutamente da vedere. Proprio bella. Intanto grazie di questa bella lettura, nel frattempo mi vado a leggere la seconda parte!
    Ciao, buona serata

    RispondiElimina
  29. Mamma mia, che viaggio fantastico, un sogno per me! Grazie davvero per questa condivisione. Un abbraccio

    RispondiElimina