8 maggio 2018

Tagliatelle al pesto di asparagi, basilico e pinoli


Sono cresciuto in mezzo ai libri
facendomi amici invisibili
tra le pagine polverose
di cui ho ancora l'odore sulle mani.
(Carlos Ruiz Zafon)


Praticamente vivo on line per lavoro e per diletto. Ho un blog, una pagina Facebook, un account Instagram e uno Pinterest. Vivo un legame strettissimo con il mio iPhone, non esco senza il mio iPad, leggo i giornali on line e i libri sul Kobo. Ho un App per molto, se non per tutto. Mi piace il web e non credo che potrei più farne a meno.  Fonte infinita di informazioni immediate, invito costante alla connessione, alla condivisione, alla rapidità … 15 secondi al massimo per una instagram storie, molti meno  per un like o  un cuoricino. Tutto il nostro mondo gira intorno alla tecnologia.  Ma ogni tanto sento il bisogno di staccare, di tornare alle origini, all'antico e allora complice un piovoso sabato pomeriggio riprendo in mano un libro "di carta" e  subito mi invade una sensazione di serenità e benessere, un pò come ritrovare un amico dopo tanto tempo. Il piacere delle pagine di carta da sfogliare,  il profumo, il calore … il corpo dell'emozione che racconta. Un libro è novità che ti emoziona e ti travolge quando è nuovo, ma quando dopo anni lo riprendi in mano, le pagine logorate, i segni del tempo, le sottolineature fatte con la matita, la foto che ritrovi conservata tra le sue pagine … ogni libro porta con sé dei ricordi e ogni copertina ha le sue cicatrici, ma come un vecchio amico di famiglia non lo abbandonerai mai. E nascosto tra le pagine di un vecchio libro di cucina ho trovato un foglietto con appuntata questa ricetta, un primo piatto leggero e gustoso che racchiude in se l’essenza della primavera, che dalle mie parti fatica a stabilizzarsi. 



Ingredienti 
per 4 persone

400 gr di tagliatelle all'uovo
1 mazzo di asparagi
1 mazzetto di basilico fresco
50 g di pinoli
50 gr di  Parmigiano reggiano grattugiato 
olio evo q.b. 
1 spicchio di aglio
½ cucchiaino di sale grosso
burro
sale fino 


Procedimento
Lavate gli asparagi  sotto l’acqua corrente, eliminate la parte finale più dura, pareggiateli e pelate il gambo con un pela patate. Tagliate le punte che serviranno intere e riducete i gambi a rondelle. In un mixer inserite le rondelle dei gambi degli asparagi, lo spicchio di aglio a fettine, le foglie di basilico fresco ben lavate ed asciugate, il sale grosso, i pinoli, un paio di cucchiai di olio e frullate fino a che il composto non diverrà ben cremoso (potrebbe servire altro olio, nel caso aggiungetelo a filo) in ultimo unite il parmigiano e frullate ancora fino a rendere la salsa omogenea. Tenete da parte il pesto e passate alla cottura degli asparagi. In una padella fate sciogliere a fuoco bassissimo pochissimo burro e fate saltare le punte di asparagi intere per 5 minuti, salate e spegnete il fuoco. Portate a bollore l’acqua per la pasta, versate le tagliatelle e lasciatele cuocere per il tempo necessario. Quando la pasta sarà al dente, scolatela e trasferitela nella ciotola da portata dove avrete precedentemente messo il pesto preparato, amalgamate bene poi aggiungete le punte di asparagi, mescolate e servite. 
Buon appetito!




Buona vita
e alla prossima ricetta!





18 commenti:

  1. Cara Alice, con un piatto di così buone tagliatelle io farei subito, festa!!!
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. ecco,ho giusto un pò di asparagi da consumare le tue tagliatelle sono tanto golose,bravissima e grazie, felice serata e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  3. Buonissimo adoro il pesto, e con gli asparagi lo è ancora di più, baci e buona giornata.

    RispondiElimina
  4. Quando sento il profumo del basilico per me è subito estate!
    Sarà la pasta all'uovo ed il basilico ma questo piatto mi fa immaginare un pranzo domenicale in famiglia :)

    RispondiElimina
  5. Buon lunedì...mi spieghi come risci a seguire tutto???? Hai un clone che ti da una mano????
    Io mi sento invornita!!!!
    Bella idea alternativa al solito pesto!!!
    Un abbracciotto

    RispondiElimina
  6. sarebbe anche l'ora giusta! che languorino, adoro gli asparagi. un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  7. Un ottima idea il pesto agli asparagi, una piccola novità ma molto deliziosa

    RispondiElimina
  8. Quello che scrivi si lega al mio ultimo post... viviamo tutti immersi in cellulari e tecnologia, ma quanto è bello concedersi quegli spazi "alla vecchia maniera", essere off line e ricordarci di come un tempo si stava più rilassanti, meno dentro alle cose magari, ma più dentro di noi stessi? :-)
    Sto mangiando tantissimi asparagi, come forse non mi era mai successo... li amo croccanti e l'idea del pesto si sposa bene con questo! Figurati, li faccio anche a spaghetti con la mandolina, se mettiamo il pesto diventa un piatto con doppi asparagi, il trionfo del verde... :-)

    RispondiElimina
  9. Complimenti, che piatto delizioso, mi mancava il pesto di asparagi! Baci!

    RispondiElimina
  10. Il piacere di un libro tra le mani non ha eguali, forse è per questo che non sono mai riuscita a leggere nessun titolo su uno schermo!
    Gustosissima la tua pasta, profuma proprio di primavera :-)
    Buon inizio settimana Alice <3

    RispondiElimina
  11. un piatto primaverile e depurativo, mi segno la ricetta, grazie !Un bacione

    RispondiElimina
  12. Io vivo on line per lavoro ma poi invece appena stacco ho una forma di rigetto. Non ho mai letto un ebook, ricerco il contatto con la carta, mi piace il rumore di fruscio della carta, l'odore delle pagine. Capisco la comodità ma proprio non riesco. E la stessa cosa mi succede per il cibo, mi piace il cibo vero, non farei mai una ricetta "finta" solo per avere una foto bella. Questo piatto di tagliatelle è "vero", sa di casa, di piatto della nonna, di buono.

    RispondiElimina
  13. Io sono decisamente meno tecnologica e al piacere di sfogliare un libro non saprei rinunciare . Le tue tagliatelle sono quanto di più buono si possa desiderare in questo periodo . Un abbraccio alice

    RispondiElimina
  14. Hai perfettamente ragione, bisogna saper fare buon uso della tecnologia. I miei alunni tentano di usare il cellulare in classe ed io, proprio per questa mia lotta quotidiana, sto scoprendo una vera allergia verso il cellulare.
    Il tuo primo e' buono e molto primaverile, brava!

    RispondiElimina
  15. Io adoro i libri da toccare con mano e infatti non ho mai letto un ebook. Alterno periodi in cui lavoro online per ore a periodi in cui mi riduco alla ricerca di quello che mi serve ma poi cerco di riportare tutto su carta, perché adoro sottolineare le pagine e mettere appunti su quello che devo studiare.
    Un primo piatto davvero gustoso.

    RispondiElimina
  16. Questo piatto è proprio appetitoso come lo mangerei ora!

    RispondiElimina
  17. io invece tecnologica lo sono diventata ob torto collo per motivi di lavoro e di blog ma sono ancora legata alla carta infatti molti libri di cucina li acquisto ancora cartacei. Queste fettuccine sono state una piacevole sorpresa belle e appetitose

    RispondiElimina