10 aprile 2013

Quiche di carciofi con salame di culatello

Avete presente il mito di Atlante?  Partecipò col fratello Menezio alla guerra dei Giganti contro gli dèi dell'Olimpo. Zeus uccise Menezio con una folgore e lo mandò nel Tartaro, ma risparmiò Atlante che condannò invece a portare il Cielo sulle spalle per l'eternità. Mentre scrivo questo post mi sento proprio così,  come Atlante dopo la condanna, con il peso del mondo sulle mie spalle. Ci sono giorni in cui sembra che tutti pretendano troppo da me, e per quanto io mi faccia in quattro sembra che non basti ...e le cose mi sfuggono di mano … e io non lo sopporto.  Divento ermetica, ma non per non spiegarvi, ma perché ho bisogno di distrarmi di smettere di stare angosciata … da Atlante a Rossella O'Hara … domani è un altro giorno, per cui distraiamoci …. I problemi non passeranno, ma rilassandomi troverò poi un modo logico per affrontarli, l’ansia non mi aiuta.  Per cui parliamo di cibo e più specificatamente di un tipo di salame che io adoro (non  è pubblicità se non dico la marca giusto?) Lo strolghino è un piccolo salame con un diametro di circa 2/3 cm da gustare molto giovane. E’ realizzato con la carne che si ottiene dalla rifilatura del culatello. Infatti nel dare al culatello la sua classica forma di grossa pera, rimane un pò di carne che, data la preziosa provenienza, sicuramente è la migliore di tutto il maiale.  Molto magro, delicato e soprattutto dolce, una delizia per  il palato di chi  ha la possibilità di gustarlo. E’ insaccato in un budello molto sottile, viene spedito incartato nella carta paglia  e confezionato in buste per proteggerlo e fargli mantenere più a lungo le sue caratteristiche di delicatezza e fragranza.  Me ne era rimasto un pezzetto dall' antipasto di Pasqua, credo fossero  80-100 grammi … che fine fargli fare?
 

Ingredienti
pasta sfoglia 1 rotolo
3 carciofi
2 uova
80/100 gr di salame di culatello
10 cucchiai di latte
parmigiano grattugiato q.b.
sale

Procedimento
Pulite i carciofi e tagliateli  a fettine sottili. Fate cuocere i carciofi, con un filo di olio evo e un mestolo di acqua,  a fuoco medio fino a quando non saranno cotti e l’acqua assorbita. Aggiustate di sale.  Rivestite uno stampo da crostata con la pasta sfoglia e ritagliate i bordi eccedenti. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta e versatevi  i carciofi. In una ciotola mescolate le uova, un pizzico di sale e il  latte, versate il composto sopra i carciofi. Spolverate con abbondante parmigiano grattugiato. Tagliate il salame a pezzetti e  mettetelo sulla superficie della quiche. Cuocete in forno caldo in modalità areato a 180° gradi per circa 30 minuti poi per altri 10 minuti date anche il calore da sotto.  Fate riposare 10 minuti prima di servire.
Buon appetito!






Buona giornata!
 
 


48 commenti:

  1. Mi ci sento spesso anch’io come Atlante e altrettanto spesso mi ripeto che dovrei imparare a dire “no” ogni tanto! Ci si guadagnerebbe sotto diversi punti di vista, anche da quello del rispetto!!! Che accoppiata favolosa hai fatto in questa quiche con strolghino e carciofi insieme. Quel piccolo avanzo pasquale ha fatto una strepitosa fine. Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Però.............mi stuzzica proprio questa quiche!!!!
    Ci voglio provare......
    Buona giornata e grazie!!
    Claudia - Gli eventi di Claudia -

    RispondiElimina
  3. L'ansia non aiuta mai..stramaledetta ansia, ti annebbia solo la mente!!!
    Parlando di questa bella torta salata....mmmmmmmmmm, dico solo questo!
    Baci

    RispondiElimina
  4. This quiche looks delicious! Great recipe!

    RispondiElimina
  5. Tesoro ci sono dei giorni in cui tutte ci sentiamo come pressate in ogni angolo.... forse la primavera amplifica certe sensazioni ma poi vedrai che pian piano tutto passerà come giusto che sia!!!
    Ottima questa quiche e poi questa è la stagione giusta per mangiare certe squisitezze!!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  6. Posso capirti.. sono ansiosa per natura.. e quando c'è un problema da risolvere sento un macigno in testa.. ma tocca essere forti .. e superare gli ostacoli.. con lucidità!!! Lo strolghino.. lo conosco!! è buono.. come questa pizza rustica.. smackk

    RispondiElimina
  7. Ma lo sai che io lo strolghino non lo posso comprare? Sono PERICOLOSA! Me ne mangio uno intero in meno di mezz'ora non riesco a fermarmi! Sarà ottimo da usare in una quiche, spero di riuscire a farla prima di mangiarmelo tutto ^_^

    RispondiElimina
  8. mmm che bontà! anch'io vado pazza per il salame ma oramai non lo compro nemmeno più!!
    certo una torta salata con il salamino...mmm come mi garberebbe...
    ma unposso..
    :(

    è vero anch'io a volte faccio così...quando troppi pensieri mi si aggrovigliano in testa, faccio un bel sospiro e mi prendo una pausa...
    e penso che un elefante in un giorno non si mangia..ma se ne fai tanti pezzettini... ci si fà!
    dai eh!
    ti abbraccio e ti auguro una splendida giornata

    RispondiElimina
  9. Ciao Alice! Mi dispiace che stia passando un momento "no", ma vedrai che risolverai tutto, con calma e razionalità.
    Intanto grazie per questa deliziosa ricetta, non avevo mai sentito parlare di questo salame! :P

    RispondiElimina
  10. Ti capisco benissimo ci sono giorni in cui tutti pretendono qualcosa da te ... Dove non vedi via d 'uscita e combatti per nulla ... Ma dai domani e' un altro giorno. !
    Intanto gustiamoci questa quiche:)
    Un bacio

    RispondiElimina
  11. Siamo un pò tutti così, chi più e chi meno! Io poi sono il tipo che anche da me stessa prentende tanto e se non ci riesco mi sento proprio come ti senti tu oggi.
    Sai che non conosco lo strolghino??? Ma la quiche ha un aspetto fantastico!
    BAcioni e spero che intanto sia passata.

    RispondiElimina
  12. Ciao carissima e' un po che manco per problemi di salute in famiglia, ma vedo che tu prepari sempre delle ottime cose!!! Un abbraccio grande!!!

    RispondiElimina
  13. che bella fine questo salame!! ^_^
    ciao Alice ti capisco oh come ti capisco....ma quella del cielo sulle nostre spalle credo sia comune a quasi tutte le donne....siamo fatte così:vorremmo tenere tutto a bada....tranne noi stesse ed ecco lo stress, la fame convulsa o l'inappetenza ,il nervosismo ecc. ecc. io ho trovato da 1 anno un rimedio che mi ha cambiata in positivo:cuffie nelle orecchie e camminata di un'ora ogni giorno.....se puoi ritagliati questo spazio e fammi sapre!
    Un bacio grande

    RispondiElimina
  14. Ciao! bello questo duo e nuovo rispetto allo scontato salmone! sembra riuscitissima e tutta da provare! bacioni

    RispondiElimina
  15. 'Sto strolghino deve essere una bontà!
    Da sicuramente un tocco in più alla quiche.

    RispondiElimina
  16. gustosissima con il culatello e i carciofi.... mmmmmmmmmm

    RispondiElimina
  17. Ciao Esme! Mi è capitato di assaggiarlo questo salame ed è davvero molto buono...un bacio

    RispondiElimina
  18. e che fine che gli hai fatto fare!!! meravigliosa!!
    vedo che siamo in molti che ci sentiamo così e ..oggi sempre più spesso! ma è vero, domani è un altro giorno, ringraziamo Dio o chi per lui per aver avuto la possibilità di vivere anche questo giorno e nn ci angosciamo più di tanto.....nn ne vale la pena!!
    baci

    RispondiElimina
  19. Credo che per le donne sia davvero una cosa comune, si pretende tutto da loro, che si spremano come limoni per stare dietro al lavoro, alla casa, alla famiglia, la spesa, pulizie, cucina, figli...e allora, quanto tempo rimane per noi? Bisogna ritagliarsi dei piccoli spazi, ma sempre a forza, che stress...un bel pezzo di pizza col salame, questo sì che è capace di ritirare su il morale!!!

    RispondiElimina
  20. Considerando che anche io mi sento così forse potremmo consolarci... ne portiamo sulle spalle metà per uno? ;o)

    RispondiElimina
  21. Considerando che anche io mi sento così forse potremmo consolarci... ne portiamo sulle spalle metà per uno? ;o)

    RispondiElimina
  22. Non conoscevo questo salame, strolghino...e che nome strano che ha :))!
    La torta salata è sicuramente buonissima, io le adoro! Pensa a quante versioni ci siano.

    RispondiElimina
  23. Buonissima questa quiche!Miracolosamente,riesco ogni tanto a trovare lo strolghino a Londra.
    Una replica nella mia cucina non e' da escludere!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  24. ANCH'IO NON STO PASSANO UNO DEI MIEI MIGLIORI MOMENTI..QUANDO NON VOGLIO USCIRE DI CASA è UN BRUTTO SEGNO E COME TE MI RIFUGIO NELLE MIE RICETTE..QUESTA QUIQUE è MAGNIFICA LA PREFAZIONE ALTRETTANTO...UNABBRACCIO..SIMMY

    RispondiElimina
  25. Buonissima e semplicissima...mi piace tanto!!!!!

    RispondiElimina
  26. Sì è una condizione abbastanza comune, di solito tento senza riuscirci spesso di arginare con un bel no. Forse diciamo troppi sì e alla fine uno più o uno in meno non si notano neanche più. E' un bel prodotto questo salame, ma se ti piace il produttore secondo me potevi citarlo è un'eccellenza italiana, non 'entra con la pubblicità. Invece volevo un consiglio da te, quando faccio queste torte e metto subito il condimento dentro, la base sotto non si cuoce mai. Dovrei provare una volta a cuocerla un pò in bianco e poi versare la farcia? Tu come ti regoli con la base, ciene sempre ben cotta? -secondo me faccio casino con il forno, con i salalti sono un pò na bestia. ti mando un baciotto e buona giornata mony

    RispondiElimina
  27. Cara Alice, le parole di Rossella sono le mie e cerco di ricordarmele più spesso che posso. Forse hai presente il mio post di qualche giorno fa. Mi sentivo proprio come te. Poi si va avanti e come sempre le spalle si fanno più forti. Coraggio.
    Sulle girelle l'uvetta è stata una mia aggiunta perché le amo, ma tu puoi variare come preferisci con le cose che ti ingolosiscono. Si, ben vengano le gocce di cioccolata.
    Un bacione grande, Pat

    RispondiElimina
  28. Ciao alice!!! buona buona buona!! mi piace ^_^ un bacio

    RispondiElimina
  29. io ho avuto anche attacchi di panico anni fa per non aver avuto il coraggio di dire NO a delle persone.. poi ho imparato e cercato di gestire l'ansia. va meglio ma in alcune situazioni l'ansia mi assale comunque specie ora che sono mamma!
    I problemi passeranno, in un modo o nell'altro, bisogna essere ottimisti dai ^_^
    con una quiche cosi golosa intanto ci riempiamo la pancia e per i pensieri e i problemi poi si vedrà che fare :D

    RispondiElimina
  30. Una bella fine insomma....
    Buona la quiche!!!!!!!
    Mi spiace per ciò che provi
    ma si
    prendiamo ad esempio la guerriera di Tara
    Film da me tanto amato
    e ripetiamolo (anche solo per convincerci)"Domani è un'altro giorno!!!!"
    In bocca al lupo e forza Alice

    RispondiElimina
  31. ma lo sai che anch'io quando ho dei problemi mi metto a cucinare e dopo tutto mi sembra più semplice!!!!la tua quiche è strepitosa...un saluto...

    RispondiElimina
  32. sai che mi sento un pò così anche io??? e poi sono così staaaanca! la quiche però è davvero un connubio di sapori irresistibili!

    RispondiElimina
  33. ...non me ne parlare...sto passando anche io un periodo difficile e credimi...capisco tuttissimo!
    Ottimo lo strolghino, io lo adoro e tu l'hai impiegato alla stra-grande

    RispondiElimina
  34. Yo preparao a menudo tartas saladas para la cena. Dan muy buen resultado y muy rico.
    Besos

    RispondiElimina
  35. Conosco quella sensazione e succede anche a me di diventare ermetica e sembrare un pò scontrosa,ma ho bisogno di respirare e prendermi del tempo!Tra donne,riesce facile comprendere...
    Adoro quel salame e tu l'hai usato in una quiche buonissima!Un bacione cara,sperando che un pò di"sano egoismo"ti riporti il buonumore!

    RispondiElimina
  36. Alice cara...come stai?
    ti abbraccio forte e se mi vuoi..sai dove sono ;)
    un mega bacio ovviamente con lo stiocco!! :D

    RispondiElimina
  37. Ciao Alice, come ti capisco, in alcuni periodi proprio sembra tutto in salita e tanto difficile. La tua torta però è una meraviglia, adattissima a questa stagione. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  38. Madò.
    Come ho letto culatello non ho capito più niente! O.O
    Buona!

    RispondiElimina
  39. Ci vorrebbe una ricetta per rilassarsi, farsi scivolare a volte le cose, rallentare tutto, curare l'ansia che non si controlla... ma prima di trovarla, meno male che c'è quella per queste torte... :-) Le amo come accompagnamento ma anche come piatto unico se mangiate da sole!

    RispondiElimina
  40. Alicetta cara, a volte i problemi di casa, o del lavoro o di salute ci fanno sentire tutto insormontabile. E chi non ci si è sentito almeno una volte come Atlantide! A volte la stanchezza è talmente tanta che pensi di non riuscire più a salire la china... Poi per incanto o per delizia, o perché alla fine siamo più toste di quanto mai avremmo osato immaginare... ce la facciamo e risorgiamo, più forti di prima!!
    E io auguro a te, a me e tutte noi di trovare sempre questa forza d'animo dentro di noi!
    Se non altro per dare un'addentatina a questa quiche meravigliosa, il cui salame ammetto non conoscere. Il culatello sì... suo figlio no! Ma se tanto mi dà tanto... deve essere squisito!!!
    Un abbraccio grande e affettuoso...
    p.s. Un pomeriggio ci vieni a spasso con me a comprare i tuoi magnifici pirottini? Mi accompagni???

    RispondiElimina
  41. Ma quante cose imparo qui da te...anche il salame di culatello, adesso....mai provato e mi dispiace!
    Quando mi sento così cerco di trovare il mio momento di svago, qualunque esso sia, anche uscire da sola per un'ora...quando torno và già un pò meglio! ;)

    Resisti :)

    RispondiElimina
  42. Hai ragione, quando si è troppo stressati e sotto pressione è meglio fermarsi un momento e farsi una coccola. Dopo si riescono ad affrontare le cose con più serenità e determinazione.

    Sai che non credo di aver mai assaggiato questo salame? non sapevo che derivasse dal culatello che io trovo divino. Bisogna assolutamente che mi metta in cerca di questa delizia

    RispondiElimina