4 luglio 2014

Polpettone con prosciutto di Praga e provola affumicata.....e la sindrome del nido vuoto

I tuoi figli non sono figli tuoi,
sono figli e le figlie della vita stessa.
Tu li metti al mondo, ma non li crei.
Sono vicini a te, ma non sono cosa tua.
Puoi dar loro tutto il tuo amore, ma non le tue idee,
perché essi hanno le loro proprie idee.
Tu puoi dare dimora al loro corpo, 
ma non alla loro anima,
perché la loro anima abita nella casa dell'avvenire,
dove a te non è dato entrare, neppure col sogno.
Puoi cercare di somigliare loro, 
ma non volere che essi somiglino a te,
perché la vita non torna indietro
 e non si ferma a ieri.
Tu sei l'arco che lancia i figli verso il domani.

 Kahlil Gibran 


Cominciamo con un consiglio al lettore, se non avete voglia di sentire un pò di lagne da mamma chioccia…saltate il post e andate direttamente alla ricetta, altrimenti seguitate a leggere a vostro rischio e pericolo e  poi  non dite che non vi avevo avvertito! Mia figlia ha quasi 18 anni (per la precisione tra tre mesi)  ma tranne qualche week end a casa di un’amica, le gite scolastiche o da piccola le vacanze con la nonna, non è mai partita veramente da sola. Ieri invece l’abbiamo accompagnata all’aeroporto, è partita per l’Inghilterra per tre settimane. Ora, non discuto che mio marito abbia ragione quando mi tranquillizza e mi dice “è sola certo, ma è in un college, parla benissimo inglese, è grande e se la sa cavare”. Io lo so che ha ragione, l’organizzazione del college in quanto tale dà a me e a lei una sorta di sicurezza in più rispetto ad un appartamento da sola e a lei la possibilità di conoscere gente da ogni parte del mondo, un’esperienza di vita sicuramente molto formativa, …però essere l’arco quanto è difficile, soprattutto sorridendo sempre! C’è il vuoto e il silenzio in casa, e la famosa sindrome da nido vuoto che ho tanto studiato, e mai compreso emotivamente, mi sembra più vicina, ma questa è la vita e questi piccoli distacchi servono a noi mamme per farci abituare piano piano all’inevitabile, perché per quanto emotivamente non lo vorremmo mai, l’uccellino spiccherà il volo e noi guardandolo dovremmo pensare …brava congratulazioni sei stata un ottima mamma, ce l’ha fatta ...sta volando da solo! Sempre senza dimenticare mai, che mamme e papà lo si è per sempre! E sei mai il caso volesse, ... il nido deve essere sempre pronto ad riaccogliere l’uccellino e a guarirgli le ferite, per poi farlo volare di nuovo lontano. 
E visto il post molto profumato di casa e famiglia, oggi peschiamo tra il più classico dei classici tra le ricette di famiglia, il polpettone. A casa mia piace molto  particolarmente in estate, perché la maggior parte delle varianti sono ottime sia tiepide che fredde. Per cui un piatto perfetto da trovare pronto al rientro dalla spiaggia, o da preparare in anticipo per poi godersi la cena nel fresco del giardino o della terrazza.



Polpettone con cuore affumicato

Ingredienti 
per 4 persone
600 gr di carne macinata (300gr di manzo e 300gr di  maiale)
1 uovo bio
50 gr di parmigiano reggiano grattugiato
250 gr di provola affumicata
100 gr di prosciutto cotto di Praga
pangrattato q.b.
200 gr di mollica di pane raffermo
olio di oliva evo
Noce moscata
latte
sale

Procedimento
In una ciotola unite la carne tritata, il pane ammollato nel latte, strizzato e sbriciolato, l’uovo, il parmigiano, una grattata abbondante di noce moscata e salate. Amalgamate bene tutti gliingredienti con le mani, fino ad ottenere un composto omogeneo, poi versatelo in una teglia coperta da carta forno e con le mani, schiacciate il composto e dategli una forma piatta e abbastanza regolare. Stendete sopra alla carne le fette di prosciutto e la provola prededentemente tagliata a dadini. Arrotolate il polpettone su se stesso  fino ad ottenere la classica forma, schiacciate e sigillate l’estremità. Passate il polpettone in abbondante pane grattato. Adagiatelo su una teglia rivestita di carta forno leggermente oliata ed infornate per 40 minuti a 180°.in modalità areata.  Lasciate intiepidire prima di tagliare. Se volete potete anche cuocere il polpettone direttamente sul gas in una padella antiaderente, avendo cura di girarlo spesso e con delicatezza.
Buon appetito!





Buona estate!




33 commenti:

  1. Le mamme sono mamme per sempre... ma i figli non restano piccoli per sempre! ;o)
    Sai che non ho mai fatto il polpettone? E questo tuo mi attira proprio... slurp slurp...
    Un bacio!

    RispondiElimina
  2. Cara Alice, io non sono mamma ma ho l'esempio della mia, io ho sempre fatto vacanze all'estero sin da quando avevo 15 anni e dopo la quinta liceo sono andata a studiare in un' altra città!! La sindrome del nido vuoto esiste eccome ma vedrai che vedere crescere e volare tua figlia spazzerà via ogni malinconia!! Il polpettone?? Squisito!!! Un bacione!

    RispondiElimina
  3. Capisco le tue perplessità, però pensa alla gioia di tua figlia! Che delizia il polpettone, brava! Un bacio

    RispondiElimina
  4. Alice ti capisco...ma tuo marito ha ragione...
    Mia figlia è stata l'anno scorso in college in Inghilterra, aveva tredici anni e mezzo. Non ti dico il mio pensiero: beh, se l'è cavata alla grande, le è piaciuto un sacco, le è servito un sacco e quest'anno va in Spagna a Cadice in famiglia in vacanza studio!Sono in tre ragazze della sua scuola!
    Vedrai, al momento ne sentirai terribilmente la mancanza, poi pian piano passerà...pensa che comunque è per il suo bene...crescono, devono fare le loro esperienze di vita! Ottimo il tuo polpettone. baci!

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto ricordare come mi sentivo quando mia figlia andò per la prima volta in Inghilterra da sola... quante apprensioni!
    Buonissimo il polpettone! Lo faccio spesso anch'io d'estate, buono sia caldo che freddo!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  6. Ciao Alice, cerca di stare serena, per tua figlia sarà una bellissima esperienza ^_*
    Adoro il polpettone, sia caldo che freddo, ottima la tua versione... bravissima!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  7. non sono mamma ma in parte posso capire la sensazione come se vivessi la sindrome del nido vuoto a rovescio. ogni volta che torno a casa mia dopo essere stata dai miei, come adesso. sono appena 24 ore che li ho lasciati e già mi sembra un secolo
    non è facile accettare che i figli crescono, devono volare da soli e costruirsi la propria vita ma la felicità di tua figlia sarà nello stesso tempo anche la tua :)
    sai che avevo chiesto a mamma di farmi proprio il polpettone da portarmi via? è proprio vero che è una di quelle ricette che profumano di famiglia e di casa.
    un abbraccio tesoro, buona serata

    RispondiElimina
  8. Cara Alice, anche se non siamo ancora mamme, ma per ora solo figlie riusciamo a capire la malinconia che provi... E con dei piatti come questo polpettone, l'uccellino tornerà volentieri a trovarti nel nido:)
    Casa è sempre casa!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  9. Ho letto tutto mamma chioccia non ce nulla da fare si è cosi e buono il polpettone ciaoooo

    RispondiElimina
  10. I miei cuccioli sono ancora troppo piccoli ma se penso che un giorno spiccheranno il volo senza di me mi sento salire le lacrime agli occhi. Ma so che quando arriverà il momento io sarò pronta, perché è la cosa giusta ed è la vita.
    Il polpettone! Hai ragione! Quanto sa di casa e quanto sa di buono.

    RispondiElimina
  11. Pensa che io a 18 anni son andata a lavorare come magazziniere a birmingham una estate!forza!

    RispondiElimina
  12. Cara Alice, io sono qua in vacanza con i miei bimbi e già pensavo...tra dieci anni saremo ancora in vacanza assieme? mah ora che mi ci fai pensare forse no...dopotutto io ho fatto le vecanze in inghilterra e in irlanda, sola, in famiglia, per tantissimi anni da quando ne avevo 13....per questo devo solo ringraziare i miei nonni, parlo ancora l'inglese benissimo ma, soprattutto, ho imparato a vedere il mondo con occhi diversi per poi...fare la scelta di restare nel mio paesello, accanto a loro ;)

    RispondiElimina
  13. Mio papà, vista la situazione, è sempre stato molto "chioccia"... ma quando sono andata per la prima volta in Inghilterra sola, tra un apprensione e l'altra... ha cercato di starmi vicino e di farmi vivere quest'esperienza in serenità, vedrai che sarà cosi anche per voi...
    Un bacione

    RispondiElimina
  14. Per tua figlia sarà sicuramente una bellissima esperienza e senza dubbio un arricchimento. Buono questo polpettone, complimenti! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  15. io mentre leggevo ho versato qualche lacrima,speriamo che non vada in corto la tastiera,purtroppo quella sensazione la conosco anche io ma è giusto che sia così gli uccellini volano e devono volare, noi siamo preoccupati,ci mancano ma non permetterglielo sarebbe ingiusto,l'ho fatto io e lo devono fare anche loro un bacione da una mamma di due figli grandi che lasceranno presto il nido

    RispondiElimina
  16. Ciao Ali,
    la mia prima vacanza da sola è stata proprio a 18 anni in provincia di Parigi, in un college ben organizzato. Partivo con una compagna di scuola. E' stato il regalo dei miei genitori per i miei 18 anni. Mia madre, super apprensiva, in quell'occasione non fece una piega, aveva capito che era arrivato il momento di farmi sperimentare e di farmi fare nuove esperienze, soprattutto c'era fiducia in me, sono sempre stata una ragazza con la testa sulle spalle.
    Ti dico che è stata una delle esperienze più belle della mia vita. La ricordo ancora con gioia, imparai molto, visitai la città, i prof ci portarono ad Euro Disney e ci divertimmo un mondo.
    Credo che ad un certo punto bisogna lasciarli andare i figli, far fare loro delle esperienze costruttive, far si che possano contare sulle loro forze, te lo schivo per esperienza, sai, sono esperienze che ti cambiano in meglio e Dio sa quanto servano in questi periodi.
    3 settimane voleranno per lei, un po' meno per te, ma quando rientrerà in casa sarà una ragazza tutta nuova, e te ne accorgerai subito.
    Stai tranquilla, se sai come l'hai allevata non ci saranno problemi di sorta.

    RispondiElimina
  17. Prima o poi toccherà anche a me! Lo so Marta me lo dice sempre che si trasferirà all' estero per studiare ed io sarò sicuramente e come sempre in ansia, preoccupatissime e come te dovrò far finta di nulla o almeno ci dovrò provare ...spero che tua figlia trascorri una buona vacanza e che possa fare le sue giuste esperienze e poi al suo rientro troverà magari questo magnifico polpettone ad aspettarla :-)

    RispondiElimina
  18. capisco cosa provi...io ho iniziato presto ad allontanarmi dalle mie cucciole ..che hanno 13, 8, 6 anni per poterle far stare con i nonni che vivono lontano e passo quei momenti davvero male...

    RispondiElimina
  19. Hai ragione, prima ci lamentiamo (sempre tra "") che sono in casa e poi quando lasciano il nido per un breve o lungo periodo è sempre un po doloroso, ma sappiamo che stanno crescendoe che è giusto per loro prendere il volo!!!!! Il polpettone è perfetto come ricetta di casa e di coccola, io lo mangio sia d'inverno, caldo con le patate che d'estate con una fresca insalata, così lo faccio simile anche io ed è buonissimo!!!! Baci

    RispondiElimina
  20. Alice cara, vedrai che passeranno in fretta queste settimane e al suo ritorno troverai una giovane donna!goditele per tornare sposina con tuo marito! ottimo il polpettone farcito, bello saporito! un abbraccione

    RispondiElimina
  21. "Core de mamma...".. Non sono mamma quindi poso capire solo stando dalla parte della figlia.. e ricordo anche la mia.. nelle primevacanze da sola ecc.. Però è vero.. lei sta crescendo.. e sta per spiccare il volo.. Voi mamme potete solo assistere a questo miracolo... e stare sempre vigili e pronte quando tornano al nido.. per qualche coccola.. o consiglio! Ottimo il tuo polpettaus.. mamma mia provola e prosciutto di Pranga.. mette una fame! Un bacio e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  22. Ti capisco! La mia bimba è piccolina, ma è la mia migliore compagnia e non riesco ad immaginare un giorno senza di lei che abbia un senso.
    So che bisogna lasciarli andare, per il loro bene e perchè è giusto che abbiano la possibilità di costruire la propria vita... ma quanto è difficile! Hai tutta la mia comprensione!
    Il tuo polpettone sarà saporitissimo!

    RispondiElimina
  23. Sarà una bellissima esperienza per tua figlia. Pensa questo.
    Sono un'estimatrice dei polpettoni.

    RispondiElimina
  24. Che dolce che sei! non sono una mamma, sono una "figlia" come la tua, meno giovane ma pronta a spiccare il volo, proprio come ha fatto la tua. Ti dirò:mia madre piange,anche ora che ho 26 anni, quando parto per le mie vacanze lontane. Non riesca e metabolizzare le distanze, i fuso orari troppo lunghi, le infinite ore di volo. Ed io, egoisticamente, le ricordo sempre che i figli non appartengono alle madri,proprio come citato nella bellissima poesia. Questa esperienza regalerà a tua figlia nuove esperienze e consapevolezze e al suo rientro, sarà di già una piccola donna :)
    p.s. questo polpettone deve essere gustosissimo! *-*

    RispondiElimina
  25. Sulla sindrome da nido vuoto non ho esperienza, ho vissuto l'esperienza solo "dall'altra parte". Abitando in una citta' senza universita' a 19 anni mi sono trasferita a Bologna e da quel momento ho praticamente sempre vissuto qui a parte le vacanze. Mia madre non mi ha mai fatto percepire turbamento o tristezza, forse per non farmi rattristare.
    Pensa che quando tornera' sara' talmente elettrizzata dell'esperienza che vorra condividere tutto con te e starete ore a raccontarvi le cose :-)

    RispondiElimina
  26. Cara Alice, dovrei farlo leggere a mia mamma questo post, perché non mi lascia ancora andare adesso! Perciò chiudo subito qui o questo diventerebbe un commento di recriminazioni, nel quale farei del male soprattutto a me stessa. Mi gusto il tuo polpettone con quel bel cuoricino saporitissimo, bacioni

    RispondiElimina
  27. Alice, questa poesia di Gibran, me l'ha fatta conoscere mio figlio, qualche anno fa...lascio a te intuirne il perché...Sono una mamma chioccia anch'io, ebbene si, adoro coccolare e semplicemente "stare" con mio figlio che è ormai adulto. E' difficile essere il loro arco, hai ragione...Comunque cara, sono certa che quando tua figlia sarà tornata dalla vacanza studio, arricchita di esperienze, vi ringrazierà e si sarà creato ancor più un legame forte, "voluto" da persone adulte! E poi, di sicuro non vedrà l'ora di tornare a mangiare i tuoi manicaretti...questo polpettone è delizioso!!! Un abbraccio, Mary

    RispondiElimina
  28. Che bontà dev'essere...poi farcito così..:PPP
    Bravissima,felice week end bella <3

    RispondiElimina
  29. wowwww!
    Questo polpettone è bello da vedere e buono da portare a tavola..
    Arrivo!!
    Un bacio grande .
    Incoronata

    RispondiElimina
  30. mamma mia, una figlia di quasi 18 anni, che emozione deve essere vederla andare così lontano, da sola...

    RispondiElimina
  31. Alice mia nipote ha 16 anni eppure il 20 luglio partira' per l'Inghilterra e anche lei alloggera' in college,tranquilla vedrai sono controllati vanno anche ragazzi di 15 anni non preoccuparti ;)
    Il tuo polpettone e' fantastico! Grazie per la ricetta :-)

    RispondiElimina
  32. Ciao Alice a proposito di polpettone e di figli...l'ho preparato domenica insieme alla mia mami x il pranzo di compleanno del mio piccino ;)!!! Ed io per la prima volta da qnd sono mamma ho lasciato i bimbi dai nonni x qualche giorno...e primi sono stati i più duri ma poi pian pianino capiamo che fa bene ogni tanto staccarsi proprio x vivere nuove ed emozionanti esperienze! A me sarebbe piaciuto molto fare una vacanza studio...e soprattutto andare in Inghilterra, a Londra in particolare, vorrà dire che ci andrò con i miei ometti, intanto che ci seguono ;)!!! Ciao ciao Luisa

    RispondiElimina
  33. Adoro il polpettone in tutte le sue varianti, per cui ti "rubo" la ricetta e la pubblico sulla mia pagina di Facebook! Un bacione

    RispondiElimina