18 novembre 2014

Risotto alle vongole con pistilli di zafferano

Scusate, lo so sono molto assente in questo periodo sia dai vostri blog che dal mio, perdonatemi e comprendete. Come vi avevo già detto è un periodo tranquillo in famiglia,  ma pienissimo di lavoro e per me stessa, e di conseguenza per il blog,  rimane a stento il fine settimana. Oggi vi voglio parlare di una spezia che adoro, forse anche un pò per genetica avendo una mamma abbruzzese: lo zafferano. Una spezia antichissima che si ricava dagli stigmi del fiore di Crocus sativus, una pianta erbacea perenne. Il nome Crocus deriva dal greco Kroke, che significa "filamento", per gli stigmi filamentosi che porta al centro della corolla. Viene citato già nel papiro Ebers, nel Cantico dei Cantici e nell’Iliade, e nel corso dei secoli gli sono state attribuite proprietà curative ma ha anche avuto fama di afrodisiaco e questa sua peculiarità è ricordata dal mito greco di Crocus. Secondo il mito tali filamenti simboleggiano un legame d'amore tra la ninfa Smilax e il giovane Krokos, un amore destinato a finire con la morte del giovane. Si narra che gli dei, impietositi, trasformarono la ninfa in salsapariglia e il giovane in croco, per far sì che i due potessero vivere uno accanto all'altro. Per questo mito gli antichi Greci usavano porre sulle tombe degli amanti morti per amore un fiore di Crocus. La raccolta di questi preziosi fiori si effettua in autunno, di mattina al sorgere del sole, prima che il calice si apra e gli stigmi che portano la polvere d'oro si possano rovinare.  Lo zafferano oltre a rendere gustosi e saporiti diversi piatti, è una miniera di sostanze preziose per l’organismo,  essendo uno dei più potenti antiossidanti naturali ci aiuta a contrastare i famosi e malefici radicali liberi, responsabili dell’accelerazione dell’invecchiamento cellulare. Inoltre questa spezia favorisce le funzioni digestive, stimola l’apparato digerente, aumentando la secrezione di bile e di succhi gastrici. Per questo è molto usato anche nella preparazione dei liquori digestivi. L’uso dello zafferano in cucina,  spazia dall’antipasto al dolce, ma le combinazioni migliori si hanno con il riso, i crostacei, i frutti di mare, le carni in umido e le salse delicate. In questi casi il gusto dello zafferano arricchisce, colora ed esalta i sapori.Per me oggi risotto!




Ingredienti per 4 persone
380 gr di riso carnaroli
400 gr di vongole fresche tipo lupini
1 lt di brodo vegetale
200 ml di vino bianco
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
burro
1 pizzico di pistilli di zafferano
prezzemolo
1 spicchio d'aglio
Sale

Procedimento
Sciacquate le vongole, mettetele in una ciotola con acqua e sale e lasciatele spurgare per un paio d'ore,  dopodiché risciacquatele e trasferitele in una pentola in acciaio con un cucchiaio di acqua, coprite e mettete sul fuoco vivo per circa 5 minuti per consentire l’apertura dei gusci. Scolate le vongole, sgusciatene più della metà e lasciatene il resto con le valve per decorare i piatti. Filtrate la loro acqua di cottura (che sarà calda), mettetela in una tazza e metteteci dentro i pistilli di zafferano a “rinvenire” per almeno 20 minuti. Fate appena dorare l'aglio in una pentola con l'olio e una noce di burro. Eliminate l'aglio e aggiungete il riso, fatelo tostare ben bene poi  alzate il fuoco e bagnate con il vino bianco, lasciate che evapori,  poi abbassate il fuoco e iniziate ad aggiungere 2 mestoli di brodo bollente. Mescolate sempre e, quando il liquido sarà quasi assorbito, aggiungetene altro brodo. A metà cottura invece del brodo aggiungete il liquido delle vongole in cui avrete fatto rinvenire gli stimmi di zafferano e sempre mescolando portate a cottura, nel caso aggiungendo altro brodo. Spegnete il fuoco e aggiungete le vongole sgusciate, mescolate e trasferite il risotto in un piatto da portata, guarnite con le vongole lasciate da parte e con del prezzemelo tritato.
Buon appetito!







Buona giornata!
 





43 commenti:

  1. Non conoscevo questa leggenda bella e triste allo stesso momento. Lo zafferano è una spezia che adoro e il connubio con il riso ed il pesce è favoloso.
    A presto,
    Silvia

    RispondiElimina
  2. Grazie per la spiegazione! E complimenti per questo gustosissimo risotto!

    RispondiElimina
  3. Ciao Alice, capitano momenti in cui non si riesce a trovare tempo per tutto, spero passi presto questo periodo così pesante :)
    Adoro il risotto allo zafferano e l'aggiunta delle vongole, lo rende ancora più gustoso, bravissima!!!
    Bacioni, buona domenica...

    RispondiElimina
  4. anche io manco,è un periodo pienissimo, ottimo risotto completato da questafavolosa spezia,un bacio

    RispondiElimina
  5. che bello scoprire qualche curiosità in più su una delle mie spezie preferite, non conoscevao questa leggenda.
    il tuo risotto è strepitoso tesoro e con quel bel colore porta il sole in tavola.
    un bacione, buona domenica

    RispondiElimina
  6. Adoro questa spezia!!!!! E il tuo piatto e' semplicemente delizioso! Buona vita e buona cucina

    RispondiElimina
  7. Bravissima Alice, bellissima l'idea di aggiungere i pistilli di zafferano nel tuo risottino con le vongole! Veramente goloso ed invitante! Bellissima la tua presentazione! Grazieee
    Un bacione
    ciaoooo

    RispondiElimina
  8. La leggenda mi è nuova ma osno sempre affascinata da ricette che hanno una storia e questo risotto è proprio da chef!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  9. Ciao cara...tranquilla è normale dover rinunciare a qualcosa quando si è veramente troppo pieni di lavoro! Questo risotto è molto fine e deve essere gustoso...Buona domenica!!!
    Raffa

    RispondiElimina
  10. Mmm usi il riso che adoro, il risotto impazzisco, le vongole pure quindi copiato. Buona domenica.

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo la leggenda. Un pò triste... Ma il risotto è ottimo :-P
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  12. Non preoccuparti x l'assenza tesoro, meglio che ci sia lavoro :-) e giusto il tempo x la famiglia, poi al resto ci si penserà :-)
    Ottimo l'abbinamento dello zafferano in un primo piatto di mare..chissà che sublime profumo :-P
    Buona domenica e a presto <3

    RispondiElimina
  13. mi hai affascinato con le tue spiegazioni, grazie!!!!!Splendido il tuo risottino decorato con le vongole, mi vien voglia di assaggiarlo subito!!!!Complimenti!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  14. Una spezia che piace tanto anche a me. Pensa che c'è stato un periodo, dopo un bellissimo corso sulle erbe officinali, in cui volevo avviare una coltivazione di piante di zafferano. Ho accantonato l'idea con l'arrivo dei bambini ma nulla toglie che in futuro ci possa ripensare. Intanto mi godo questo splendido risotto con gli occhi.

    RispondiElimina
  15. non sapevo di questa storia... comunque il tuo risotto è strepitoso... abbinata perfetta. Buona domenica!

    RispondiElimina
  16. E' la spezia d'oro .. come la chiamo io.. anche per il costo che ha.. oltre al colore!!! Ottimo risotto zafferano e vongole.. smackkkk

    RispondiElimina
  17. un primo molto delicato...e' stato bello leggere il racconto

    RispondiElimina
  18. adoro questa spezia e questo risotto è una meraviglia!

    RispondiElimina
  19. ricetta del tutto nuova per me...
    uso spesso le vongole, di rado nel risotto!

    RispondiElimina
  20. Buonissimo Alice questo risotto!!
    La leggenda la conoscevo ma se ti dovessi dire dovel'ho letta, boh!!!
    Io anche sono un po' latitante, anche per me tante cose da fare e tutte assieme, ma torneranno tempi più tranquilli!! Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  21. Cara Esme solo solo passata per farti un salutino e per augurarti un buon inizio settimana!
    Ti abbraccio
    ciaoooo

    RispondiElimina
  22. Questo mito non lo conoscevo proprio. Invece immagino alla perfezione la bontà del tuo risotto.
    Buona settimana Alice

    RispondiElimina
  23. Io adoro lo zafferano, se potessi lo userei sempre ma purtroppo costa come l'oro, sopratutto i pistilli, quindi alla fine limito un po' l'utilizzo. Sai che non ho mai provato ad abbinarlo ai mitili?

    RispondiElimina
  24. Un risottino da 10 e lode,brava cara!!! :-))
    Bacioni

    RispondiElimina
  25. Un risotto perfetto, complimenti!!

    RispondiElimina
  26. una bella idea per le prossimi idee molto raffinata

    RispondiElimina
  27. wow! buonissimo!! qui a venezia va moltissimo il risotto con le vongole!! buona serata, ciao Andrea

    RispondiElimina
  28. Wow che bella presentazione...sembra un piatto servito in un ristorante di lusso! E sarà anche buonissimo!!
    Bella anche la leggenda, non la conoscevo! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  29. è un risotto da leccarsi i baffi! anche io sono impegnatissima, lo vedi, ma la cosa più bella è che, nonostante tutto, sto bene e sono felicissima! Ti abbraccio amica mia!

    RispondiElimina
  30. Che meraviglioso risotto e che interessanti informazioni, non conoscevo la leggenda ma mi fa amare ancor più il prezioso zafferano!!!
    Baci e in bocca al lupo per il periodo molto impegnato!

    RispondiElimina
  31. divino....semplicemente divino!!! immagino il profumo!!! bravissima!!

    RispondiElimina
  32. Il profumo dello zafferano e quello del mare...assolutamente sublime, Alice!
    baci e buona settimana,
    MG

    RispondiElimina
  33. Ciao Alice, nonostante il poco tempo, sei riuscita a regalarci una pietanza da grande chef...il tuo piatto è fantastico!! Da buona abruzzese quale sono, adoro lo zafferano e con le vongole dev'essere una vera squisitezza!! Un abbraccio cara...Mary

    RispondiElimina
  34. Appena l'ho visto su face sono corsa a leggere che magnifico piatto poi bella questa leggenda grazieeeee

    RispondiElimina
  35. Avrei anch'io qualcuno da trasformare in salsapariglia....ma oggi sarò buona e mi gusterò solo il tuo risotto!!!

    RispondiElimina
  36. Ciao Alice, molto bella la leggenda del fiore di Croco e il tuo risotto è una grande idea. Io faccio spesso la pasta con le vongole, ma non mi è mai venuto in mente di utilizzarle in un risotto. Mi piace molto questa tua proposta. Grazie e buon lavoro allora!

    RispondiElimina
  37. Questo risotto dev'essere davvero buonissimo, l'abbinata vongole-zafferano è ottima!

    un caro saluto

    RispondiElimina
  38. lo zafferano tinge d'oro i piatti più importanti, è costoso ma dietro c'è tanto lavoro e fatica...Ottimo questo risotto, è il periodo giusto per gustarlo ! Un abbraccio

    RispondiElimina
  39. Adoro lo zafferano,questo risotto sicuramente ne esalterà il suo profumo. Buona giornata cara!

    RispondiElimina
  40. Io ti perdono, Alice, ma tu fammi assaggiare questa meraviglia!!!!! ^_^
    Ti abbraccio forte gioia mia.

    RispondiElimina
  41. wow alice che super risotto, ottimo lo zafferano, peccato il costo, una spezia versatile da usare più spesso, e le vengole? adorabili! riposati!

    RispondiElimina
  42. Che meraviglia di risotto!!!
    Bravissima Alice!!
    Un caro abbraccio e buon fine settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  43. Un piatto fantastico! Anche molto interessanti le informazioni su questa preziosa spezia (preziosa in tutti i sensi, non per niente è chiamata anche oro rosso)!

    RispondiElimina