14 marzo 2015

Petticoat Tails

Dicono che sia stato uno dei dolci preferiti di  Maria Stuarda,  grande regina di Scozia e che ne fosse  una grande consumatrice. Il Petticoat Tails  è  un grande biscotto rotondo che dopo la cottura viene diviso in spicchi, una vera e propria torta da tè. Sembra che il suo strano nome, letteralmente spicchi di sottoveste, sia stato ispirato proprio dalla forma delle pesanti sottogonne dell'epoca. Questa burrosissima tortina scozzese altri non è che l’antesignano dei più noti e moderni shortbread, i tipici e golosi biscotti burrosi, molto diffusi in tutto il Regno Unito, perfetti per il classico tè pomeridiano o per uno spuntino goloso. A Londra non vi è negozio di alimentari, supermercato, e negozio di souvenir dove non possiate trovare questi famosissimi biscotti nelle loro tre tipiche forme, confezionati in bellissime scatole di latta rossa con la bandiera scozzese disegnata. I tre principali formati degli shortbread sono: fingers, di forma rettangolare allungata e molto spessi, gli shortbread rounds, di forma rotonda simili a dei normali biscotti e  infine l'antico e tradizionale petticoat tails,  il  grande biscotto unico circolare  da dividere  in spicchi. 





Ingredienti
per una teglia da 20 cm diametro

50g di zucchero a velo
100 g di farina 00
50 g di maizena
100 g di burro
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
un pizzico di sale



Procedimento
Mettete lo zucchero a velo, la farina, l'amido ed il sale nel robot con le lame e dare una veloce girata per amalgamare, poi unite il burro leggermente ammorbidito a pezzetti  piccoli e l’estratto di vaniglia. Azionate il robot  finchè l'impasto sarà diventato grossolanamente bricioloso. Prendete una teglia in ceramica o antiaderente e posizionateci l’impasto pressandolo e  livellandolo perfettamente. Incidete l'impasto in spicchi e poi con l’aiuto di uno stuzzicadenti praticate dei fori equidistanti. Coprite con pellicola trasparente e mettete in frigo per un'ora. Trascorso il tempo necessario togliete la pellicola ed infornate in modalità areato a 160° per 30 minuti.  Regolatevi come sempre con il vostro forno, ma ricordate che deve rimanere chiaro e solamente i bordi dovranno risultare leggermente dorati. Appena estrarrete dal forno i biscotti dovrete  incidere nuovamente nei tagli praticati in precedenza, e ripassare con lo stuzzicadenti i buchi precedentemente fatti. A questo punto lasciate raffreddare completamente, non tentate di estrarre la tortina di biscotti dalla teglia prima di un paio d’ore, l’impasto è fragilissimo e si rovinerebbe.  
Buon appetito!
 





Buona vita 
e alla prossima ricetta!




47 commenti:

  1. Ma che delizia!!!!!! Come sempre dai tuoi post si impara qualcosa di nuovo. Ma l'impasto va pressato direttamente in teglia senza imburrarla precedentemente?
    Buon we cara!

    RispondiElimina
  2. Ma che deliziaaaa! Dai tuoi post imparo sempre qualcosa di nuovo. Domanda: l'impasto va messo in teglia direttamente senza imburrarla precedentemente? Buon we cara!

    RispondiElimina
  3. Perfetti accompagnati dal tè!!!!

    RispondiElimina
  4. wawwww cara amica questo biscotto è fantastico mi ha affascinato anche la storia, amo i dolci che dietro hanno una storia li rendono più interessanti e curiosi da fare, questo in particolare non lo conoscevo proprio ma il fatto di servirlo a spicchi mi piace tantissimo, un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  5. Conoscevo ed apprezzavo molto gli shortbreads ma questo mi è nuovo! grazie per averlo condiviso :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
  6. gli shortbread per me restano sempre i biscotti da tè per eccellenza, una coccola con la mauscola :)
    sono bellissimi tagliati a spicchi
    un bacione, buon we

    RispondiElimina
  7. ottima la ricetta! Ma poi..... ma com'è questa tazza da tè??? Bellissima! Buon WE

    RispondiElimina
  8. Apperò.. se fosse davvero stato il dolcino preferito di Maria Stuarta.. si trattava bene.. Sembra delizioso.. baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  9. Deliziosi!!!! Conosco gli shortbread ma non i loro nonni... e quindi neanche la loro origine... ma mi hanno fatto venire l'acquolina.... Un bascione e buon we

    RispondiElimina
  10. Questi biscottini li adoro non amo tanto la pasta frolla ma così tanto. Per fortuna non abbonda di zucchero e ogni tanto un pezzetto...la devo fare avevo perso la ricetta. Grazie e buona fine settimana.

    RispondiElimina
  11. Sai, ho un libro di biscotti dove parecchie ricette mostrano questi spicchi! Questa forma particolare mi è sempre piaciuta ma non ne ho mai fatti.
    Bravissima a proporceli e a farlo con la loro storia.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  12. Li ho visti spesso a Londra ma non sapevo la loro storia. Io preferisco questa versione, più bassa rispetto al classico shortbread che trovo un po' troppo pesante

    RispondiElimina
  13. Ma che buoniiiii... adoro le ricette che portano con sè aneddoti storici. Questa me la segno :D

    RispondiElimina
  14. Questi spicchietti sono così deliziosi e danno l'impressione che si sciolgono in bocca !

    RispondiElimina
  15. che post interessante, bello poter conoscere le origini dei nostri piatti!!!!Che delizia questi shortbread, li ho assaggiati a Londra, ma i tuoi mi sembrano molto, molto piu' buoni!!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  16. Quante interessanti notizie, ma soprattutto che delizioso biscotto e la tua elegante presentazione lo rende ancor più invitante!!!
    Buon we

    RispondiElimina
  17. pensa che sono andata in Scozia ma non ho avuto il coraggio di comprarmeli...sicuamente li avrei mangiati in viaggio...mai sarebbero arriati a casa!
    ma quanto sono buoni?
    li adoro.
    e avevo visto la "tortina" ma non credevo che fosse la "Nonna" dei moderni shortbread
    brava cara... ora ho una ricetta collaudata da cui attingere...anche se la quantità di burro mi sembra po'ina. no?
    buon we

    RispondiElimina
  18. è da tanto che voglio provarli,bravissima,grazie per tutte le notizie,un bacione e buon weekend

    RispondiElimina
  19. meravigliosamente buoni...anche se io li ho sempre fatti tondi! la tua foto mi ha messo voglia di provarci....sto bevendo un tè proprio adesso...non ci rinuncio mai, nemmeno in estate!

    RispondiElimina
  20. che voglia di averne qua un paio per farmi una bella merenda...quasi sono le cinque di pomeriggio, un buon tè ci sta alla stragrande ;)
    Bacione e buon We!

    RispondiElimina
  21. Io li trovo troppo burrosi per i miei gusti ma ti sono venuti una meraviglia!!!

    RispondiElimina
  22. Sono molto legata alle ricette italiane soprattutto da quando sono qui, che spesso non considero alter opzioni!
    Bella ricettina, brava.
    Ti auguro uno splendido week end

    RispondiElimina
  23. Non sai che darei x l'assaggio..sublime ricetta, complimenti e felice we <3

    RispondiElimina
  24. Non conoscevo questi biscottini! Grazie Alice, è bello scoprire cosa si cela dietro alle ricette, un bacione

    RispondiElimina
  25. Questi Alice li voglio proprio provare!!Cosi carini i triangolini e con il mio tea time ci stanno una favola!!Davvero un idea interessante come la sua storia del resto!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  26. Che belli!! Burrosi, friabili, deliziosi!!
    Insomma, perfetti!!
    Un bacione e buon we!!

    RispondiElimina
  27. Ma che meraviglia, perfetti per colazione e merenda... da rifare!!!!!

    RispondiElimina
  28. adorabili, mia mamma ne va pazza e quindi li mangio spesso, belli, buon week end alice! baci!

    RispondiElimina
  29. Elegantissima presentazione, Alice. Con nozioni della storia di questo dolce davvero interessanti e preziose. Grazie!
    Un abbraccio,
    MG

    RispondiElimina
  30. squisiti li proverò, mio marito adora il te,ma causa del suo diabete, sarò costretta a sostituire il burro e lo zucchero spero che vengano buoni come i tuoi. Un bacione

    RispondiElimina
  31. Mi piace moto questa ricetta,ha poco burro e deve essere una bontà.
    Buona domenica cara

    RispondiElimina
  32. lo conosco questo biscotto e mi piace tantissimo !!!!!! Tanti baci e buona domenica cara Alice

    RispondiElimina
  33. Non ci crederai ma mentre ti sto scrivendo sto bevendo una meravigliosa tazza di te (preparata da mio marito perchè non so ma quando lo fai il sapore è diverso) e ci starebbero proprio bene.
    Un abbraccio afettuosissimo

    RispondiElimina
  34. non conoscevo questo biscotto, ma abbinati al tè fumante, devono essere una delizia meravigliosa. Complimenti, buona serata.


    P.S. la focaccia bianca.... stupenda!!!!

    RispondiElimina
  35. Oh caraaa! Ma lo sai da quanto tempo cercavo questa ricetta?? Solo una volta mi era capitato di assaggiarli, ma non avevo la minima idea nemmeno di come si chiamassero! <3 Che bel regalo mi fai!! Sei straordinaria, Ali <3 TVTB!

    RispondiElimina
  36. Mi è piaciuto molto scoprire l'origine di questo dolce e non sapevo che ne esistessero tre tipi che si diversificavano per la forma, quante cose che si imparano! E ti dirò che attraverso queste cose si impara anche a conoscere la cultura di un paese. Allora facciamo così, io sono fan accanita del tè, mi siedo un po' qui nel tuo spazio e assaggio uno spicchio di questa delizia! ciao Alice un abbraccio!

    RispondiElimina
  37. Ciao Alice, ho sempre adorato questi biscotti! Sono proprio perfetti da accompagnare con il tè! :) Le foto sono bellissime, così raffinate quelle tazze! Complimenti!
    Baci da Francesca :)

    RispondiElimina
  38. che eleganza il tuo tè ! complimenti !

    RispondiElimina
  39. Che bel dolcetto..non lo conoscevo,grazie per la ricetta cara!! :-))
    Bacioni a presto

    RispondiElimina
  40. Io sono shortbread addicted <3 quindi vedere questo tuo dolce mi fa venire subito gli occhi a cuoricino! Che meraviglia!
    Buon lunedì cara

    RispondiElimina
  41. ....e questo tondo e grande che ci hai proposto è il mio preferito!!!
    Buona settimana Ali!

    RispondiElimina
  42. Ciao Alice :) Ma che bontà devono essere questi biscottini!! Post interessante e bella ricetta, complimenti :) Un abbraccio grande grande <3

    RispondiElimina
  43. non li conoscevo, devono essere deliziosi ! Grazie per aver condiviso questa bontà !

    RispondiElimina
  44. mi piace un sacco alice, appena l ho vista mi sono precipitata ad assaggiarli con gli occhi.....io la provo e poi ti aspetto per un the da me e mi dici com'e

    RispondiElimina
  45. mi piace un sacco alice, appena l ho vista mi sono precipitata ad assaggiarli con gli occhi.....io la provo e poi ti aspetto per un the da me e mi dici com'e

    RispondiElimina
  46. mi piace un sacco alice, appena l ho vista mi sono precipitata ad assaggiarli con gli occhi.....io la provo e poi ti aspetto per un the da me e mi dici com'e

    RispondiElimina