12 febbraio 2018

Le castagnole sofficissime


Nulla è più memorabile di un odore. 
Un profumo può essere inatteso
momentaneo e fuggevole
e tuttavia evocare ...
Gli odori esplodono morbidamente
nella nostra memoria come mine terrestri 
cariche nascoste nella massa cespugliosa degli anni.
(Diane Ackerman)


Il potere evocativo del profumo di un cibo ha il dono di regalarci dei particolari percorsi emozionali, dei veri viaggi nella memoria che ci fanno rivivere delle sensazioni dimenticate. Perché riassaporare un cibo legato ad un particolare ricordo non è solo ripercepire  un'emozione, ma è  un vero salto indietro nel tempo che ci riporta ogni volta, incredibilmente, a quella particolare emozione e di nuovo ci rende felici. Ad esempio, il meraviglioso ed invitante odore di dolci fritti, che la fa da padrone in questi giorni nelle nostre case, mi riporta alla memoria un particolare ricordo d’infanzia. Ero bambina, e con mio fratello aspettavamo con ansia il suono del campanello la mattina del giovedì grasso, e quella dolce nonnina che ci portava per colazione le sue castagnole sofficissime “ Le mie non sono come quelle che si vendono, palline dure da sbattere al muro … le mie sono morbide per cui molto più buone, e visto che tu non le fai mai ai tuoi figli ci penso io!” Ricordo perfettamente questa frase che ogni anno apriva la diatriba tra mia madre e la nostra anziana vicina di casa, pasticcera in pensione, mia madre assolutamente del team frappe, ne friggeva ogni anno in grandi quantità, mentre l’altra friggeva solo castagnole. Noi bambini in questa gara al fritto migliore e a quale fosse il vero simbolo carnevalesco ...mangiavamo felici!  Ancora oggi tra i vari impasti di castagnole il mio cuore ha un palpito particolare con queste, le friggo spesso nel periodo di carnevale, ripensando a quella dolce vecchina  dai lunghi capelli bianchi sempre raccolti in un bellissimo chignon. Le frappe mi portano a mia madre, come queste castagnole mi portano a lei. Non vi dico che non amo le frappe, giammai, ma indiscutibilmente qui i tempi di esecuzione sono notevolmente più rapidi, 15 minuti e sono pronte! Questa volta ho mescolato due tipi di farina e anche gli zuccheri, se volete potete omettere l'arancia e usare estratto di vaniglia, ma al risultato sarà sempre delizioso. Difficile resistere alla tentazione di assaporarle, croccanti fuori, morbide dentro, con un gusto ed un sapore … irresistibili. Prepararle è molto semplice ed il segreto per renderle morbide dentro e croccanti fuori è curare bene la fase di frittura, tenendo l'olio alla giusta temperatura.



Ingredienti
per circa  35 castagnole

120 gr di farina di farro
80 gr di farina 00
150 gr di ricotta di pecora 
30 gr di zucchero semolato
30 gr di zucchero di canna chiaro
60 ml di latte
2 uova bio
8 gr di lievito per dolci
1 pizzico di sale 
1 arancia bio



Procedimento
In una ciotola mettete la ricotta scolata, la buccia di arancia grattata al momento, il latte, le uova leggermente battute con un pizzico di sale lo zucchero e amalgamate il tutto molto bene. Poi unite, poco per volta, la farina setacciata con il lievito e amalgamate fino a formare un composto non troppo sodo.  Lasciate riposare in frigo da un minimo di 30 minuti ad un massimo 4/5 ore. Mettete sul fuoco una pentola non molto grande con abbondante olio di semi. Con l’aiuto di due cucchiaini formate delle palline e versatele poche per volta in abbondante olio a temperatura. Vi consiglio di utilizzare un pentolino di acciaio piccolo ma profondo, così da immergerle completamente, per testare la temperatura dell’olio, uso sempre il vecchio metodo del bastoncino di legno immerso nell'olio, quando tutt'intorno si formano delle bollicine inizio a friggere. Man mano che le castagnole saranno pronte,  scolatele bene e passatele prima su carta assorbente da cucina e poi immediatamente dopo rotolatele nello zucchero semolato. Servitele appena tiepide.
Buon appetito!



Buona vita
e alla prossima ricetta!




23 commenti:

  1. Cara Alice, vedendole cosi nel piatto, il mio desiderio si è fatto molta grande!!!
    Ciao e buona serata con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Che meravigliaaaaa... posso averne una???Potrei sognarla la notte una castagnola cosi! A presto LA

    RispondiElimina
  3. hanno un'aspetto delizioso e poi a me piacciono così piene!!Qui da me molti le fanno vuote assomigliano quasi ai bignè.
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
  4. Sembrabo buonissime! Ed era molto avanti la signora se usava già la farina di farro!!!! L eproverò in settimana! Io oggi frittelle di mascarpone!

    RispondiElimina
  5. Sono uno spettacolo queste castagnole tesoro e non sarebbe carnevale senza. Un abbraccio forteeeee,Imma

    RispondiElimina
  6. Già a vederle si capisce che sono super buone. Grazie e buona fine settimana.

    RispondiElimina
  7. perfette,passo,che dici,visto che non ho voglia di friggere ne prendo qualcuna da te,felice we

    RispondiElimina
  8. Io tra i due clan sono per le castagnole, non che non mi piacciano le frappe, buonissime, ma se mi chiedessero di scegliere andrei sicuramente sulle castagnole. Forse perchè mi fanno pensare a quelle deliziose che faceva mia zia. Quanto erano buone. Avrei passato ore a guardarla friggere quelle palline deliziose

    RispondiElimina
  9. Mi hai fatto ricordare di una vecchina, Nonna Peppa, che abitava sul mio stesso pianerottolo da bambina. Le domeniche con lei erano spesso una festa. Preparava tantissime tagliatelle e le stendeva su manici di scope sorretti da due sedie. Preparava una torta allo yogurt sofficissima e buonissima che a volte colorava col cacao. Arrivava sempre con un piatto di dolcetti appena sfornati. Era una coccola e amava coccolarci. Sono i ricordi belli che si costruiscono intorno al cibo e che ti scaldano il cuore. Sono sicura che tutto l'amore che c'è dietro queste castagnole si trasmetta ad ogni morso :) Buon weekend :)

    RispondiElimina
  10. Come mi ritrovo nelle tue parole..spesso sono proprio alcuni profumi ad evocarmi delle sensazioni bellissime più di foto o sapori!
    Golosissima la tua versione delle castagnole, non sai come te ne ruberei un paio x la merenda :-P

    RispondiElimina
  11. Sono sempre belli i ricordi legati al cibo aggiungono sempre qualcosa in più alla ricetta. A vederle anche le tue sembrano proprio morbidissime! un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Da gatta, puoi immaginare quanto contino per me gli odori... quelli del cibo sono "emozionali", direttamente collegati con la parte della memoria e dei ricordi, sono capaci di annullare le distanze temporali... come una magia! Seguire l'istinto e l'odore, fidarsi dell'olfatto... se fossi la tua vicina, avrei capito subito che stavi friggendo e avrei bussato contenta per omaggiare l'unico aspetto del Carnevale che amo: i dolci! :D Le foto non mentono, si vede quanto sono soffici queste palline...

    RispondiElimina
  13. I dolci dei ricordi sono sempre i più buoni e nel farli godiamo due volte...nel prepararli e nell'assaporarli :-))
    buona settimana ^__^

    RispondiElimina
  14. Una versione deliziosa, Alice. Ottimo spunto!
    Baci e buona settimana,
    MG

    RispondiElimina
  15. Bellissima la foto delle castagnole tagliate a metà.....me ne passi alcune da mangiare?

    RispondiElimina
  16. Ma beati voi bambini in questa gara appassionante! Ottime castagnole, quasi quasi faccio un passo... bacioni

    RispondiElimina
  17. che spettacolo queste castagnole O_O <3

    RispondiElimina
  18. che bellissima versione, brava!! buon inizio settimana :)

    RispondiElimina
  19. oh che bontà queste castagnole! mi hai fatto venire voglia di farle subito!

    RispondiElimina
  20. Ciao Alice, io appartengo al gruppo che preferisce le frappe che da noi in Toscana si chiamano cenci fritti, ma queste tue castagnole.. mi stanno facendo venire qualche dubbio! Non le ho mai fatte, oggi potrebbe essere il giorno giusto per provare la tua ricetta. Baci!

    RispondiElimina
  21. Come hai ragione cara Alice... I profumi e i cibi ci fanno rivivere le emozioni e si torna indietro nel tempo...Come queste castagnole che davvero sembrano essere meravigliose! Un bacione!

    RispondiElimina
  22. Ma quanto sono belle! Sono perfette, belle sferiche e devono essere anche buonissime! A me piacciono entrambe ma se proprio mi fai scegliere anche io sono più per i Tortelli e le Castagnole, adoro entrambi.

    RispondiElimina