21 ottobre 2020

Biscotti vegani aromatizzati al limone


Il tempo e la pazienza 

possono più della forza o della rabbia.

(Jean De La Fontaine)


Troppa insofferenza, troppa irrequietezza, troppa incomprensione, troppa rabbia, troppa intolleranza. La virtù della pazienza è in evidente declino, forse anche per la cattiva interpretazione del significato stesso del termine e della sua “funzione”. Pazienza è più attesa che remissività, più comprensione che rassegnazione, più sopportazione che condiscendenza, più tolleranza che mansuetudine. A volte invece la pazienza viene confusa con l’inerzia, con l’estrema docilità, con il compromesso, quasi fosse una resa passiva di fronte all’ineluttabilità dei fatti. Mentre l’impazienza, accompagnata magari dalla rabbia, viene vista come un segno di forza, di risolutezza, di intraprendenza e di determinazione. Sentirsi forti, laddove invece siamo diventati tutti più vulnerabili. Fermiamoci a riflettere, pensiamo alle conseguenze delle nostre parole prima di esprimerle, delle nostre azioni prima di compierle, ascoltiamo per comprendere e non solo per sentire. Riscopriamo il valore della pazienza, dell'attesa al fine del risultato migliore ... le scorciatoie non esistono.  

Ingredienti

60 ml di olio extravergine di oliva o olio di semi

60 ml di acqua 

80 gr di zucchero semolato tipo extrafine

250 gr di farina di farro 

1 cucchiaino di lievito per dolci

1 limone bio

1 pizzico di sale


Procedimento

In una ciotola inserite l’acqua, lo zucchero e un pizzico di sale e mescolate fino a quando lo zucchero non sarà sciolto, poi sempre mescolando aggiungete l'olio e la scorza grattugiata del limone. A questo punto iniziate ad aggiungere la farina setacciata con il lievito, poco alla volta, fin quando vi sarà possibile mescolate con una frusta poi passate ad impastare a mano. Quando avrete ottenuto un bel composto omogeneo, lasciatelo riposare in frigo per circa trenta minuti. Stendete la vostra frolla vegana ad uno spessore di circa 5-6 mm e tagliate i vostri biscotti della forma che preferite. Infornate in modalità statico a 180° per 10 minuti circa. Prestate attenzione a non cuocerli troppo, potrebbero diventare duri, ricordate che una volta sfornati raffreddandosi acquisteranno la giusta consistenza. Fate raffreddare su una gratella per dolci e conservate nella classica scatola di latta. Buon appetito!



Buona vita e 

alla prossima ricetta !




14 commenti:

  1. Tu hai ragione Alice, ma la pazienza non esiste quasi più! Siamo abituati ad avere tutto e ad averlo subito. Forse la mia generazione l'ha conosciuta la pazienza ma la generazione Z non sa cosa sia, in questo tempo non è contemplata purtroppo!
    Perfetti i tuoi biscotti, da provare la farina di farro.
    Complimenti per il tuo bellissimo blog!

    RispondiElimina
  2. Sarebbero perfetti ora per colazione, golosi e molto belli!!!

    RispondiElimina
  3. Che belli i tuoi biscotti Cara Alice e anche le tazze il servizio, tutto quanto. Buona settimana 😘

    RispondiElimina
  4. Quanta verità nelle tue parole.
    Venerdì ero su un tram che si è fermato ad un incrocio (bloccando quindi il passaggio alle auto che arrivavano dalla via traversa "bloccata" dal tram). E' rimasto fermo per, penso non più di 3 minuti, perché un furgoncino era parcheggiato sulle rotaie. Dalla traversa bloccata ho visto un'automobilista iniziare a suonare il clascon con veemenza e quando ovviamente il tram non si è spostato (il furgoncino continuava ad ostruirgli il passaggio) ha iniziato le manovre per sulla pista ciclabile con l'intento di percorrerla contromano per "aggirare" il tram che, nel mentre, è ripartito.
    Ora dico... eravamo fermi da non più di 3 minuti. 3. Mi rendo conto che in macchina possano sembrare molti ma, santo cielo, possibile che non si possa aspettare un po'?
    Forse se l'automobilista avesse avuto a portata di mano uno di questi tuoi biscotti, non si sarebbe resa conto dell' attesa perché troppo presa a gustarseli!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. sono bellissimi!!! e poi di una forma perfetta! sei bravissima! un abbraccione!

    RispondiElimina
  6. Delizioso Alice !! adoro il limone!!

    RispondiElimina
  7. Sono assolutamente d'accordo con te. Da giovane anche io soffrivo dell'impazienza che accomuna l'età giovanile, quella voglia di riuscire a fare mille cose insieme. Invecchiando invece sono diventata MOOOOOOOLTO paziente, non so perchè, sarà stata colpa/merito degli inconvenienti della vita che ti insegnano a razionalizzare, ad ascoltare gli altri e se stessi. La pazienza è una grande qualità e la cosa triste è che sembra che stia sempre più scomparendo nella gente. Anche l'ozio dovrebbe essere rivalutato, gli si da sempre una nota negativa ma non è così. L'ozio ci da tempo di riflettere. Non so, forse è colpa del momento che ci sta davvero mettendo a dura prova

    RispondiElimina
  8. Quanta verità in queste parole! Mi sono volutamente trasferita nelle colline senesi per godere di uno stile di vita più rilassato, più paziente, più tranquillo godendo anche delle piccole cose che la natura regala. Sono deliziosi questi biscottini, al limone poi... profumatissimi

    RispondiElimina
  9. Ciao Alice, non so scegliere cosa mi piace di più di questo post, quello che hai scritto (e che condivido in tutto), i tuoi biscottini o quelle deliziose tazze da té. Nell'attesa di decidere... ti mando un abbraccio grande grande. Ciao!!

    RispondiElimina
  10. sono sempre in cerca di biscottini sani e leggeri per la colazione e questi mi sembrano perfetti! complimenti e grazie per la ricetta!!

    RispondiElimina
  11. Che delizia questi biscottini profumati, il limone è l'aroma che amo di più per la frolla. Un bacio tesoro, buona serata

    RispondiElimina
  12. Proverò subito questi biscotti! Sono molto belli. Ho pure la formina a forma di fiore! Grazie per la ricettina

    RispondiElimina
  13. Buoni li proverò non per me io non posso ma per avere per marito qualcosa al mattino. Preso nota buona giornata.

    RispondiElimina
  14. Condivido le tue parole...purtroppo spesso si apre la bocca ancor prima di accendere il cervello e quelle parole possono far male.
    Ottima la tua proposta, leggeri e sfiziosi, ne mangerei volentieri un paio ora per merenda ^_^

    RispondiElimina