19 maggio 2021

Girandola di pan brioche senza burro


Tutto ciò che viene dalla mia cucina

è cresciuto nel cuore.

(Paul Eluard)


Io amo la pasta brioche, tra i lievitati è in assoluto la mia preferita, sia dolce che salata o meglio dovrei dire sia salata che dolce, perché tra le due versioni adoro particolarmente quella dolce. La sua sofficità, il suo profumo, la sua versatilità rendono ogni colazione speciale. Ho sempre amato la colazione, soprattutto quelle lente e tranquille della domenica mattina, ma ora da quando lavoro in smart working posso godere di tempi più tranquilli tutti i giorni e quindi approfitto per preparare spesso dolci leccornie. Il lato positivo di questo nuovo metodo di lavoro è proprio nel tempo guadagnato e nella qualità della vita migliorata. Si lavora di fatto di più, almeno per professioni come la mia, ma senza corse, senza traffico, senza lunghi tragitti in auto e soprattutto senza tempo perso in cerca di un parcheggio. Sinceramente, apprezzo molto lo smart working e mi auguro che nel prossimo futuro, speriamo presto, quando rientreremo in una reale normalità, tante “soluzioni emergenziali” vengano confermate (riunioni, udienze, corsi di aggiornamento) e tante persone possano continuare, a propria scelta, ad usufruirne. A mio parere, rispetto alle modalità di organizzazione del lavoro, non solo non è possibile tornare alla situazione pre-Covid, ma non è neanche auspicabile, perché rappresenterebbe una perdita di opportunità per l’innovazione delle organizzazioni sia pubbliche che private. Sarebbe, invece, opportuno cogliere il meglio da questa esperienza e tradurla in progetti strutturati, favorendo sia la diffusione di strumenti e iniziative a supporto dell’innovazione digitale, sia cercando di avviare quel cambio culturale mirato alla responsabilità individuale verso gli obiettivi ed i risultati concreti. 

Ingredienti

stampo diametro 23 cm

160 gr di farina 00

160 gr di farina manitoba

1 uovo bio

80 ml di latte

100 ml di panna fresca

40 gr di zucchero semolato

3 gr di lievito di birra disidratato

4 gr di sale fino

Inoltre

Latte per spennellare

Procedimento

Trenta minuti prima di iniziare ad impastare versate in una ciotolina la quantità di latte e di panna prevista, mescolate e lasciate acclimatare a temperatura ambiente. Trascorso questo tempo inserite nella ciotola della planetaria, con il gancio a foglia, le farine setacciate con il lievito e lo zucchero, mescolate e poi aggiungete l’uovo leggermente battuto e 150 ml dei liquidi (latte e panna).  Avviate la planetaria a velocità bassa fino a far amalgamare sommariamente gli ingredienti, quindi unite il sale insieme al resto della panna e del latte e seguitate a mescolare fino a quando non vedrete formare l’impasto. A questo punto mettete il gancio ad uncino e portate ad incordatura a velocità media. Quando l’impasto sarà liscio, compatto e si staccherà completamente dalla ciotola avvolgendosi intorno al gancio sarà pronto. Coprite la ciotola della planetaria con della pellicola e lasciate lievitare al caldo fino al raddoppio, circa un paio d'ore, ma ovviamente il tempo dipenderà sempre dalla temperatura che avete in casa. Trascorso questo periodo, trasferite l’impasto sulla spianatoia infarinata e allargatelo delicatamente con le mani dandogli una forma regolare poi, con un tarocco, dividetelo in dodici parti uguali. Con ogni pezzo formate una pallina, arrotolando e roteando l'impasto fino ad ottenere una sfera. Una volta formate tutte le palline, lasciatele riposare sulla tavola, coperte con della plastica per alimenti, per 15/20 minuti. Nel frattempo, imburrate uno stampo con il bordo apribile e coprite il fondo con della carta forno. Riprendete le palline, stendetene una alla volta con il mattarello dandogli una forma quasi rettangolare di circa 12 x 6 cm. A questo punto con l’aiuto di un tarocco o di una rotella incidete delle fessure che vadano dalla metà del rettangolo fino verso il bordo esterno, ma senza inciderlo.  Ora arrotolate stretto il pezzo su sé stesso, partendo dalla parte non incisa. Andate avanti con questo metodo di formatura fino ad ottenere 12 rotolini, adagiandoli man mano che li preparate sulla tavola coperti con della pellicola. Quando saranno tutti pronti disponete i rotolini nella teglia, uno accanto all’altro a formare una girandola. Se volete, per facilitare l'effetto finale, potete fare come me e posizionare al centro una piccola pallina di brioche (la grandezza di una noce). Coprite con della pellicola per alimenti e lasciate lievitare per circa 1 ora o finché la brioche non avrà raddoppiato il suo volume. Spennellate con del latte e cuocete in forno caldo areato a 170°C per circa 25 minuti. Appena sfornata spennellate di nuovo con il latte, estraetela dallo stampo e ponete a raffreddare la brioche su una gratella per dolci. Si conserva sotto la classica campana per dolci. Il giorno dopo sarà ottima al naturale, successivamente vi consiglio di passarla qualche minuto in forno, ma con l’accortezza di incartare il pezzo da gustare con della carta d’alluminio, così che il calore del forno non pregiudichi la sua sofficità. Buon appetito! 



Buona vita

e alla prossima ricetta!




18 commenti:

  1. Bellissimo questo pan brioches se ne intravede la morbidezza. Vorrei provarlo per preparare dei cannoncini da riempire con la panna montata...li mangiavo sempre da piccola e non li trovo più!

    RispondiElimina
  2. Sembra davvero soffice 😍😍😍da provare e poi senza burro sono anche più light 😊

    RispondiElimina
  3. Complimenti, molto invitante, super soffice!!!

    RispondiElimina
  4. Io ne sto facendo pochissimi di lievitati quest'anno, non so perchè, forse lo stato d'animo, non ti so dire. Il tuo è perfetto, tanto tanto soffice! e pure bellissima!!! baciotti e buon inizio settimana :-*

    RispondiElimina
  5. Sono assolutamente d' accordo con ciò che scrivi in merito alle tue osservazioni sullo smart-working. Anch'io ormai da più di un anno ho la fortuna di POTER lavorare da casa. Questo consente di essere più produttivi, di allungare i tempi di lavoro effettivo proprio perché si può recuperare il tempo speso negli spostamenti. Per non parlare poi dello stress del doversi muovere nel traffico o di dover ricorrere all' uso dei mezzi pubblici. Davvero una gran bella fortuna, la nostra e davvero mi auguro che tutto questo non venga completamente abbandonato quando riusciremo a tornare alla normalità.
    La colazione è il momento della giornata che adoro vivere in silenzio, in pace e tranquillità. Regalarsi una brioche così è una vera coccola ed un modo sensazionale di iniziare la giornata!
    Buon inizio di settimana. Ti abbraccio
    P.S.: la mia mamma ti ringrazia degli auguri. Un bacione

    RispondiElimina
  6. Oltre ad essere estremamente soffice e si vede, è troppo troppo bello. Questa forma incanta 😍 Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  7. Cara Alice sono d’accordo la pasta brioche quando si scioglie in bocca è veramente una delizia e la tua èuna vera meraviglia brava!!!

    RispondiElimina
  8. io sinceramente con questo smart working lavoro molto di più di prima, altro che tempo guadagnato. Ora mi telefonano anche alle 7.30 di sera...almeno prima quando uscivo dall'ufficio basta. Adesso mi cercano a tutte le ore.
    Mi sembra di sentire il profumo di questa brioche

    RispondiElimina
  9. Una preciosidad Alice :-)))))

    RispondiElimina
  10. Spero anch'io che questo periodo crei nuove prospettive di lavoro e la possibilità di ottimizzare usufruendo della tecnologia ^_^
    Golosissima la tua proposta, una coccola senza orari e molto versatile!

    RispondiElimina
  11. Concordo su quel che hai scritto in merito al lavoro da remoto. Io come avvocato apprezzo tantissimo le udienze dallo studio. Per i professionisti è un gran risparmio di tempo. Ma ho riscontrato che i dipendenti in realtà lavorano più ore perchè vengono cercati al telefono a tutte le ore. La tua girandola è molto coreografica. Anch'io amo molto la pasta brioche e tutti i lievitati in genere

    RispondiElimina
  12. Che invitante soffice coccola, ti è venuta una meraviglia!!!
    Baci

    RispondiElimina
  13. ma che bello 😍😍😍molto soffice e buonissimo!

    RispondiElimina
  14. E' carinissima questa forma!!! spero di potermi cimentare anche io al più presto!!! segno segno!

    RispondiElimina
  15. Ciao Alice, che bello il tuo pan brioche è così soffice e goloso! Anche io sto lavorando in smart working si lavora più di prima, ma anche a me questa soluzione piace molto.. io risparmio molto tempo - tutto quello che prima impiegavo per andare al lavoro, approfitto della pausa pranzo per fare lavoretti in cucina (impasto tanto!) .. gli orari di lavoro sono più lunghi ma la vita è più comoda! un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Cara Alice, anche io metto la pasta brioche al primo posto in una ideale classifica di lievitati dolci.. e se non la faccio spesso è perché non mi controllo, mangerei io tutte le brioches! questa tua proposta me la segno, è davvero perfetta!
    Anche io sono in smart da un anno ormai, alcune cose mi mancano (i colleghi, i vestiti, il caffè al bar) ma i lati positivi sono infiniti: godiamoceli! un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  17. Mi piace molto la tua brioche, anche nella forma, originale e diversa dal solito. Per il resto del discorso, mi trovi perfettamente daccordo con te. Mia figlia e il marito, hanno (e mio genero continua) lavorato in smart working e anche loro si augurano che, se non tutti i giorni, si possa continuare anche dopo ad alternare il lavoro in presenza e in collegamento. Per mia figlia, che ora è in maternità, è già certo che così non sarà. Il suo capo li vuole tutti in presenza, con quel che costa il viaggio, il traffico ecc ecc ... mah, certa gente non la capisco proprio. Buona settimana Alice

    RispondiElimina